Sua maestà la mortadella va sotto processo


BOLOGNA, 28 SET. 2010 – Il processo è fissato per lunedì prossimo, ma l’assoluzione è pressochè scontata. A salire sul banco degli imputati sarà nientemeno che sua maestà la Mortadella Bologna IGP, indiscussa protagonista della cucina nostrana, a cui il 2, 3 e 4 ottobre verrà dedicato un intero festival. Dopo una due giorni di convegni, buffet, concorsi e spettacoli – tra cui una notte che, non a caso, si tingerà di rosa – la manifestazione si trasferirà da Zola Pedrosa fin sotto le Due Torri. E qui, proprio in coincidenza con i festeggiamenti di San Petronio, il patrono cittadino, nutrizionisti, giornalisti enogastronomici, storici, produttori e consumatori saranno i protagonisti di un’insolita contesa con un obiettivo preciso: far scoprire le segrete peculiarità produttive, nutrizionali e commerciali dell’alimento principe delle tavole emiliane.L’idea è venuta a Vie del Gusto in collaborazione con la Provincia di Bologna, l’Apt Emilia Romagna e l’Associazione "Strada dei vini e dei sapori", che si sono unite per celebrare l’emblema felsineo, nell’ottica di divulgarne al meglio storia, proprietà e nuovi valori. E in loro soccorso, con un tempismo perfetto, è arrivato l’Inran, che ha passato sotto la lente d’ingrandimento la mortadella e ha emesso il suo verdetto: il prodotto può entrare nella dieta, anche in quella degli irriducibili del peso perfetto. Lo afferma l’Inran che ha passato sotto la lente d’ingrandimento il prodotto emiliano per eccellenza. L’Inran sottolinea come la mortadella abbia basso apporto di colesterolo e limitata presenza di sale. Inoltre, è ricca di minerali come ferro e zinco e, per questo, risulta un alimento ideale per chi, svolgendo una certa attività fisica, ha bisogno di un corretto apporto energetico. La mortadella, insomma, saprà difendersi benissimo nel processo a cui verrà sottoposta lunedì 4 alle 19. Ma chiunque voglia far parte della giuria popolare è invitato a partecipare. Per aver tutti i dettagli dell’evento e del festival "Mortadella please" è sufficiente cliccare qui.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet