Su le vendite, il Tridente punta a 80mila Quattroporte


NIZZA, 10 DIC. 2012 – Per la sesta generazione di Quattroporte, la cui "produzione a Grugliasco è appena iniziata", sono previste a livello globale, nel totale del ciclo vita (7,5 anni), 80 mila unità, con un picco che dovrebbe arrivare nel 2013, quando saranno vendute tra 13 e 15mila vetture all’anno. Lo ha detto l’amministratore delegato di Maserati Harald Wester, ricordando che entro il 2015 Maserati prevede di vendere 50 mila vetture, contro le 6.750 stimate a fine 2012. Per raggiungere questo obiettivo, la rete Maserati aumenterà nel 2015 dagli attuali 250 a 425 punti vendita. Wester ha aggiunto che l’obiettivo di Maserati è di "arrivare a presidiare, all’inizio del 2015, la totalità dei segmenti del mercato del lusso, contro l’attuale 21%". Oltre alla Quattroporte e alla Ghigli che arriveranno nel 2013 e alla Levante che arriverà nel 2014, Maserati lancerà nel 2015 "almeno altre due vetture sportive: per una si tratta di una sostituzione, per l’altra di un’aggiunta di gamma".Presidiando nel 2015 la totalità dei segmenti del mercato del lusso Maserati potrà quindi puntare su un bacino di clienti potenziali di 940 mila persone, contro gli attuali 190 mila. La nuova Quattroporte, ammiraglia della casa del Tridente, sarà rivelata al pubblico in anteprima mondiale a gennaio al Salone di Detroit, dove verrà svelato anche il prezzo. Subito dopo Detroit inizierà il lancio commerciale in Europa, mentre negli Stati Uniti Quattroporte arriverà tra maggio e giugno ed in Cina tra fine febbraio e inizio marzo. Il primo mercato di Maserati nel 2012, ha detto Wester, sono gli Stati Uniti con il 45%, seguito dalla Cina con il 15% e dalla Gran Bretagna con il 5%. Nel 2012 l’Italia si posiziona all’ottavo posto con il 2%, mentre nel 2011 pesava per l’8%. Il contributo dell’Europa sulle vendite totali di Maserati sarà nei prossimi anni del 15%"Nei primi 9 mesi del 2012 la Maserati ha consegnata alla clientela il 2% in più di vetture rispetto all’anno precedente. In linea con l’aumento di volumi – ha aggiunto Wester – i profitti sono cresciuti del 6% nel terzo trimestre di quest’anno, passando da 445 a 472 milioni". Inoltre, il Trading profit per i primi 9 mesi del 2012 è pari a 31 milioni di euro, con un aumento del 19% contro i 26 milioni del 2011. E per quanto riguarda gli investimenti entro il 2014, l’ad annuncia che "per l’ammiraglia Maserati Quattroporte, per la berlina del segmento E Ghibli e per il crossover Levante sono pari a 1,2 miliardi di euro. Per la Quattroporte e il Ghibli e la struttura produttiva in particolare sono tra i 950 milioni e 1 miliardo".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet