Storie dimenticate: Caserme Rosse diventa un film


BOLOGNA, 11 DIC. 2009 – Le Caserme Rosse, ovvero il più grande e dimenticato lager nazifascista d’Italia. E’ il luogo della memoria raccontato ora da un film. Un documentario che vuole svelare ciò che accadde in questo campo alle porte di Bologna tra il maggio e l’ottobre del 1944, il periodo in cui i nazifascisti vi imprigionarono decine di migliaia di persone, prima di deportarle nei campi di sterminio tedeschi. Militari, come i Carabinieri che a Roma si rifiutarono di rastrellare gli ebrei, oltre a tanti civili accusati di collaborare con la Resistenza e a quanti non vollero combattere assieme ai nazisti e per Salò.La prima di “Caserme rosse. Il lager di Bologna” è in programma a Bologna il 12 dicembre alle ore 18 al Cinema Lumiére. Al termine della proiezione è previsto un incontro con i registi, il direttore dell’Istituto storico Parri Emilia-Romagna Luca Alessandrini, Monsignor Antonio Allori (presidente della Fondazione Gdo, successore di Don Giulio Salmi) e il presidente della Sezione Anpi Bolognina Armando Sarti.La pellicola, di 53 minuti, dei registi Danilo Caracciolo e Roberto Montanari ricostruisce la storia degli orrori del campo di prigionia di via di Corticella, dove arrivarono interi treni pieni di prigionieri militari e si stima che i rastrellati civili siano stati almeno 36 mila (il 70% dei quali finì in Germania). Quella delle Caserme rosse è una delle vicende più oscure della II Guerra Mondiale in Italia. Ancora oggi ci sono dubbi sulla presenza di fosse comuni.L’attività del lager di Bologna, scoperto grazie allo studio di una fotografia scattata nel ‘44 da un ricognitore dell’aviazione inglese Raf, si interruppe il 12 ottobre quando fu bombardato dagli alleati, nel corso di un attacco che provocò la morte di 400 persone in tutta la città e diversi morti e feriti dentro lo stesso campo. “Quello che lì accadde deve essere ancora svelato”, dice il presidente dell’Anpi della Bolognina Sarti. “Vogliamo ricordare e rendere omaggio alle vittime e a quei carabinieri che furono deportati perché rimasero fedeli al loro giuramento”.“Caserme rosse è un emblema che ha attraversato un periodo di oblio e che abbiamo voluto far riemergere”, sottolineanto i registi e sceneggiatori Caracciolo e Montanari, “anche per dar luce alla resistenza senz’armi, nella quale si sono impegnati tantissimi bolognesi”. Tra questi, “spiccano il medico del campo Antonino De Biase e Don Giulio Salmi che nelle sue omelie dava indicazioni per far fuggire le persone dal lager”. Nel film, che è stato finanziato anche dalla Film Commission della Regione Emilia-Romagna, la storia di quel che accadde nel campo è ricostruita da 17 testimonianze.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet