Storie di mafie e di antimafia. Le racconta a Rubiera Antonio Ingroia


REGGIO EMILIA, 21 FEB. 2011 – E’ Antonio Ingroia il protagonista del prossimo incontro di Pagine utili – incontri con l’autore, la rassegna che si svolge presso la Biblioteca Comunale “A.U. Codro” di Rubiera. La serata è in programma domani 22 febbraio, alle ore 21.Il magistrato – procuratore aggiunto della procura distrettuale antimafia di Palermo e discepolo di Paolo Borsellino – presenterà il suo recentissimo libro Nel labirinto degli dèi – storie di mafia e di antimafia (Ed. Il Saggiatore), intervistato da Pierluigi Senatore, caporedattore di RadioBruno. “Nel racconto d’apertura del volume Antonio Ingroia rievoca il suo primo giorno da magistrato, nella Procura di Marsala, sotto la guida di Paolo Borsellino. “Entrai nel suo ufficio intimorito per il confronto con un giudice già così importante. Procuratore – esordii quasi balbettando – sono qui per il mio insediamento, quando crede che potrò iniziare a lavorare in questo ufficio? E lui: ma scusa, collega – disse con tono grave – ti sembro forse tanto vecchio da dovermi dare del lei? E giù una fragorosa risata che ruppe subito il ghiaccio e mi rivelò il volto umano di quello che per me era un uomo-mito…” L’incontro segnerà il destino professionale del giudice allora ragazzino. Il suo impegno proseguirà nella sede di Palermo su posizioni sempre più risolute ed esposte nella lotta contro la mafia, e presto dovrà continuare senza le figure di riferimento di Giovanni Falcone e di Paolo Borsellino. Nel labirinto degli dèi è il racconto-testimonianza di uno dei più autorevoli magistrati antimafia italiani, della sua scelta e della sua dedizione, esercitate nei luoghi in cui, per antica tradizione o per dannazione, lo scempio della giustizia e del diritto è condotto con più sistematica virulenza, con più corale partecipazione, fino a compenetrare le relazioni e persino la mentalità dell’intera società. Il giudice Ingroia, da potenziale personaggio di un’opera di Leonardo Sciascia, diventa, con questo libro, riconoscibile epigono del grande scrittore siciliano. E con lui ha in comune, oltre all’inappagabile impulso a inoltrarsi nei labirinti della vita collettiva, un’idea razionale e ironica della giustizia e della morale”.Antonio Ingroia si forma professionalmente a Palermo, sua città natale, a partire dal 1987, nel pool di Falcone e Borsellino. Quest’ultimo l’aveva espressamente voluto al proprio fianco. Sostituto procuratore a Palermo dal 1992 con Gian Carlo Caselli, diviene un importante pubblico ministero antimafia, si occupa di noti casi legati alla malavita organizzata, come il caso Contrada, e conduce processi di una certa rilevanza sui rapporti tra la mafia e il mondo della politica e dell’economia. Nel 2009 è stato nominato procuratore aggiunto della procura distrettuale antimafia di Palermo.


Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet