Startup, da Modena a New York


Due startup di Democenter arrivano nella Grande Mela. Milkyway e Slowd, cresciute in questi mesi nell’incubatore Knowbel, sono tra le dieci nuove imprese innovative italiane invitate dallo Startup Accelerator di New York Venture Out a partecipare a una settimana di incontri con autorità e istituzioni e con la comunità di angel e venture capital d’oltreoceano. Un risultato che testimonia la qualità del lavoro compiuto e apre nuove opportunità per le due start up modenesi.

Milkyway è nata dalla passione per gli sport estremi di Jacopo Vigna, giovane ingegnere meccanico di Modena con esperienze nei reparti corse di Ducati e Aprilia. Quando nel 2011 gli viene offerto l’ennesimo rinnovo di contratto, Jacopo decide che è arrivato il momento di diventare imprenditore portando le innovazioni tecnologiche che ha imparato a conoscere nel settore del bike-trial. Nasce così, con il solido supporto di Democenter, Milkyway che occupa di progettazione, produzione e vendita online di attrezzature per tutti gli sport “di nicchia”. La start up, cresciuta nell’incubatore di Democenter a Spilamberto, ha raccolto i capitali di due primari fondi di investimento, TTVenture e Fondo Atlante Seed, nonché di due investitori privati. Le risorse ottenute stanno servendo per ampliare l’offerta dell’azienda di prodotti sul mercato degli sport estremi e per sviluppare la community online (www.milkywaytribe.com) che in pochi mesi si sta imponendo come leader nel settore e che aiuterà l’azienda a sviluppare i nuovi prodotti con il supporto degli appassionati iscritti, altamente targettizzati.

Si occupa invece di ‘design a chilometro zero’ la startup Slowd, ospitata sempre dall’incubatore di Democenter. Recentemente l’impresa si è aggiudicata uno dei 30 finanziamenti da 25mila euro messi in palio da Working Capital, il programma di Telecom Italia che dal 2009 supporta in modo diretto la nascita e lo sviluppo delle startup. Slowd è un marketplace di idee e progetti basato su una piattaforma on-line. Come funzionerà? I designer che aderiscono al progetto creano prodotti e li mettono in vendita sul sito Slowd (www.slowd.it) o siti partner. Una rete di artigiani certificati, dopo l’ordine, realizza il prodotto on demand, anche personalizzandolo. Alla fine puoi andarlo a ritirare nel loro laboratorio o fartelo consegnare a casa, finito o da montare.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet