Start cup E-R, idee di impresa in competizione


Parte la Startcup 2015 <http://www.startcupemiliaromagna.it/> , la business plan competition promossa in Emilia-Romagna da Aster, consorzio regionale per l’innovazione e la ricerca industriale in collaborazione con le Università della regione. Due le novità di quest’anno: la prima il focus su idee d’impresa provenienti dal mondo della ricerca e dell’università per contribuire a far emergere le potenzialità di nuovi business basati su progetti di ricerca scientifici, la seconda la collaborazione con Federmanager Bologna che metterà a disposizione manager esperti che affiancheranno i gruppi d’impresa nella definizione dell’idea. In palio un premio in cash di 5.000 euro a ciascuno dei primi tre classificati, formazione e assistenza allo sviluppo dell’idea imprenditoriale, premi locali offerti dai partner sul territorio e la possibilità di partecipare al PNI Cube, il premio nazionale degli incubatori universitari che quest’anno si terrà presso UNICAL, l’Università della Calabria. Un sezione speciale della Start Cup 2015, promossa da Crif (società specializzata in sistemi di informazioni creditizie, business information e soluzioni per la gestione del credito) in collaborazione con Almacube, premierà la migliore idea d’impresa in ambito financial technology con un premio del valore di 30.000 così suddiviso: 20.000 come investimento nel capitale di rischio dell’impresa e 10.000 in attività consulenziale di supporto alla fase di prototipazione dell’idea.

In aprile è previsto un primo giro di presentazioni all’interno delle Università, per illustrare la competizione ai ricercatori universitari, con le best practice di chi, del proprio progetto di ricerca, ha fatto un’impresa e per rispondere alle domande e ai dubbi dei potenziali candidati. A maggio invece, è previsto lo scouting tour in collaborazione con partner locali, nelle principali città della regione per intercettare le idee d’impresa innovative da potenziali imprenditori e da chi voglia mettersi in gioco e creare la propria impresa. Alla scadenza del bando le prime 30 idee d’impresa saranno ammesse alla seconda fase che prevede due giorni di lavoro per approfondire e “mettere alla prova” il proprio progetto. Tra questi verranno selezionati i 20 partecipanti all’attività formativa intensiva di una settimana con consulenti in aula per la definizione del business plan , interventi di imprenditori di successo e traning sui “pitch” (brevi presentazioni del progetto) e team building.
I 10 imprenditori finalisti , saranno affiancati da manager di grande esperienza nel settore specifico, selezionati col supporto di Federmanager Bologna, che li aiuteranno a perfezionare il progetto e presentare a una giuria di esperti e imprenditori, i propri “pitch” della durata di 5 minuti.
I migliori progetti del mondo della ricerca regionale parteciperanno alle finali nazionali del PNI Cube (Premio Nazionale per l’Innovazione), associazione che riunisce gli incubatori universitari e le business plan competition accademiche italiane.

A vincere l’edizione 2014 della Startcup Emilia Romagna è stata Tickete (Cesena), che si è aggiudicata 10 mila euro per sviluppare una “app” in grado di tracciare, organizzare e monitorare le proprie spese fotografandole e tracciandole attraverso sistemi di riconoscimento ottico (OCR). Al secondo posto si è piazzato Intelligent Structures, un progetto ad altissimo contenuto tecnologico che tramite l’inserimento di speciali sensori nelle fusoliere degli aeroplani consente di ottenere una diagnosi predittiva e preventiva dello stato di manutenzione della struttura, riducendo drasticamente i tempi di “stop” per manutenzione degli aerei e i relativi mancati guadagni derivanti dal mancato utilizzo. Al terzo posto Goodeed, una piattaforma di fundraising che ha il duplice fine di rendere le donazioni online trasparenti, sicure e tracciabili e aumentare esponenzialmente l’ammontare di denaro donato.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet