Stallo nelle trattative, la Mandarina Duck sciopera


GRANAROLO (BO), 12 APR. 2011 – Dopo la notizia dello stallo delle trattative con il fondo inglese Emerisque, che avrebbe garantito la necessaria ricapitalizzazione, alla Mandarina Duck di Granarolo i lavoratori sono entrati in agitazione. Per mercoledì 20 è stato indetto uno sciopero con presidio dalle 9 alle 11 davanti ai cancelli, spiega una nota della Filctem-Cgil, per "sensibilizzare le istituzioni e la cittadinanza sulla grave situazione in atto". L’azienda dà lavoro a 75 persone e ha un fatturato di circa 50 milioni. Le difficoltà sono nate negli ultimi mesi come ricaduta del fallimento della Mariella Burani, che controlla Antichi Pellettieri, a sua volta proprietari del 42% di Mosaicon, di cui fa parte Mandarina Duck (il restante 58% è del fondo inglese 3I). Lo stop all’entrata di Emerisque mette, secondo la Filctem, a forte rischio il futuro dell’azienda ed è avvenutato "per cause non del tutto chiare". I sindacati chiedono chiarezza "perché la situazione sta provocando pesanti ripercussioni sull’attività, che sono ancora più gravi, se si considera il mercato del settore pelletteria nel quale i tempi di consegna ai clienti decidono della vita e della morte delle aziende".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet