Nuovo stabilimento System a Borgotaro


Taglio del nastro a Borgotaro sull’Appennino parmense per il nuovo stabilimento del gruppo System di Fiorano Modenese. L’imprenditore modenese Franco Stefani nel nuovo stabilimento Laminam investirà complessivamente 50 milioni di euro. Una re-industrializzazione che vale quasi 90 posti di lavoro complessivi salvaguardati dopo l’uscita di scena del gruppo turco Kale.
L’assessore regionale alle attività produttive Palma Costi ha confermato che prosegue positivamente anche il confronto con l’assessorato regionale ai Trasporti e le Ferrovie dello Stato, per l’implementazione dello scalo merci al servizio del nuovo polo produttivo utilizzando il raccordo ferroviario. Un tema quello della logistica in ingresso e uscita che Franco Stefani ha indicato come condizione vincolante per il successo dell’operazione insieme a riduzioni dei costi energetici che per questo tipo di lavorazioni sono alti. Laminam nel 2015 ha realizzato un fatturato di
50 milioni di Euro sui quali l’export incide dell’80% e conferma il trend di crescita annuo del 25%, che porterà il giro d’affari a quasi 70 milioni nel 2016 per arrivare verso i 100 milioni con il raddoppio della linea produttiva a Borgotaro. Laminam –ha spiegato l’amministratore delegato di Laminam Alberto Selmi – infatti può ora contare su tre unità produttive: lo stabilimento principale a Fiorano Modenese, quello appena inaugurato a Borgotaro interamente dedicato alle lastre nel formato 1620x3240mm e quello in Russia a Balabanovo, poco distante da Mosca, riservato esclusivamente alle lastre 1000x3000mm. Il prossimo appuntamento è fissato al Marmomacc a Verona fiere dal 28 Settembre al 1° Ottobre 2016.

Riproduzione riservata © 2017 viaEmilianet