Squinzi: “Da 4 a 6 mesidi stop alla produzione”


MODENA, 6 GIU. 2012 – Uno stop produttivo di almeno 4-6 mesi e un impatto sul Pil per qualche frazione di punto. Il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi prova a quantificare i danni del sisma che ha colpito l’Emilia, un’area in cui – ricorda il leader degli industriali – si produce un po’ di più dell’1 per cento del nostro prodotto interno lordo. Squinzi parla di un “bilancio ancora provvisorio, che conta almeno 500 aziende con gravi lesioni, 5mila posti di lavoro a rischio e la minaccia che si perdano filiere importanti". Una stima condivisa dal Centro studi di Confindustria, che nel rapporto di giugno sottolinea come il terremoto, che ha colpito "un’area ad altissima vocazione manifatturiera e cruciale per lo sviluppo industriale del Paese", renda ancora più impegnativa una crisi economica dal "quadro periglioso".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet