Spettacoli, il trionfo del maiale all’Arena del Sole


BOLOGNA, 28 OTT. 2009 – Il trionfo del maiale a teatro. Il simbolo per eccellenza della tradizione gastronomica emiliano-romagnola va in scena giovedì 29 ottobre alle ore 21.00 nella Sala grande dell’Arena del Sole di Bologna. Uno spettacolo a ingresso libero promosso dall’assessorato all’Agricoltura della Regione Emilia-Romagna non solo per ricordare come il cibo sia cultura e identità. Da celebrare ci sono infatti anche i 400 anni della morte di Giulio Cesare Croce, uno dei principali interpreti della cultura popolare in Italia fra XVI e XVII secolo, creatore di personaggi letterari entrati a fare parte dell’immaginario collettivo, come Bertoldo e Bertoldino. La Regione Emilia-Romagna, insieme alle realtà istituzionali più significative del territorio bolognese e i maggiori studiosi italiani e stranieri interessati ai temi della cultura popolare, ha aderito al Comitato nazionale per il IV centenario della morte dell’autore emiliano.Lo spettacolo si intitola "Il lamento del porco – Bestiario emiliano della fame e della sazietà" e consiste in un monologo scritto da Maurizio Garuti e interpretato dai comici bolognesi Vito e Luciano Manzalini. Al centro c’è il ruolo del maiale nella cultura, nell’alimentazione, nel senso comune della gente emiliana. Il testo, di intonazione satirica, investe aspetti riguardanti il costume, la gastronomia, l’alternarsi della fame e della sazietà, il rapporto fra gli uomini e gli animali, e parte da quella sorta di apologia del maiale che è l’operetta di Croce “L’eccellenza e Trionfo del Porco”, che rappresenta l’importanza di questo animale nella società del XVI secolo. Il maiale viveva nei cortili di campagna e di città, si nutriva degli avanzi della tavola del padrone, era un animale domestico come il gatto e il cane e allo stesso tempo costituiva una riserva vivente di cibo.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet