Sorin, recupero post-sisma


“Nel terzo trimestre la società ha confermato il miglioramento del profilo reddituale e della capacità di generare cassa”. Questo il commento dell’amministratore delegato di Sorin group André-Michel Ballester, che ha aggiunto: “Il Cardiac Surgery ha registrato una forte crescita riconducibile sia al pieno recupero dei segmenti degli ossigenatori e dei sistemi per autotrasfusione colpiti dal terremoto del 2012 sia all’eccezionale performance delle macchine cuore-polmone e al migliorato andamento delle valvole cardiache”.

Nel terzo trimestre 2013 Sorin Group ha realizzato ricavi per 180,3 milioni di euro, in crescita del 19,0% a parità di tassi di cambio rispetto al terzo trimestre 2012, risultato che riflette il pieno recupero dagli effetti del terremoto. Il Profitto Lordo nel terzo trimestre 2013 è pari a 106,1 milioni (58,9% dei ricavi), rispetto a 98,4 milioni (61,3% dei ricavi) nel terzo trimestre 2012. Tale variazione è principalmente riconducibile agli effetti negativi dei tassi di cambio e ad un diverso business mix dovuto al terremoto nello stesso periodo del 2012, parzialmente controbilanciati dai continui miglioramenti nell’efficienza produttiva. Le spese di Vendita, Generali e Amministrative (SG&A) sono pari a 67,4 milioni di euro, rispetto a 76,2 milioni nel terzo trimestre 2012. A tassi di cambio costanti, tali spese sono rimaste sostanzialmente invariate, nonostante l’onere di 0,7 milioni relativo alla medical device excise tax, accisa sulle vendite negli Stati Uniti di dispositivi medicali.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet