Social collaboration, tra BpER e ateneo


Si scrive social collaboration, si legge opportunità. Banca Popolare dell’Emilia Romagna e Fondazione Marco Biagi dell’Università di Modena e Reggio Emilia hanno siglato un accordo di collaborazione che avrà durata tre anni, finalizzato allo sviluppo di competenze, metodi e strumenti innovativi inerenti l’utilizzo della social collaboration nell’organizzazione e nelle gestione di impresa. Un’opportunità per gli studenti, ma anche per l’istituto di credito. Tanto che l’idea di sviluppare progetti di social collaboration è nata all’interno della stessa banca per creare nuovi prodotti e servizi bancari destinati agli immigrati. La Fondazione Marco Biagi ha tra i propri obiettivi la realizzazione di ricerche e iniziative di alta formazione. Tra queste vi è il corso di dottorato  internazionale in Lavoro, sviluppo e innovazione. Il progetto nasce in un contesto occupazionale difficile. Il centro Adapt, voluto proprio da Marco Biagi, riporta i dati Eurostat che vedono l’occupazione ferma al 55,6% e quella giovanile stabile sul 16,3. In pratica, si rileva, metà degli italiani mantiene l’altra metà.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet