Soccorso 118, a Parma si può contattare con un sms


PARMA, 7 OTT. 2009 – Chiedere aiuto al 118? Da oggi a Parma lo si può fare anche con un sms. Un servizio dedicato alle persone sordomute è infatti stato messo a punto dalla centrale operativa del soccorso dell’azienda ospedaliero-universitaria della città emiliana. In Emilia-Romagna è la prima esperienza di questo tipo. In caso di emergenza le persone che non possono parlare né sentire potranno chiedere un intervento inviando un messaggio con il telefono cellulare alla centrale del Maggiore.Il numero da comporre per attivare il sistema di soccorso del 118 è il 339.9941118. La risposta dell’operatore dal terminale verrà inviata al richiedente sempre tramite sms. Gli sms sostituiranno completamente la telefonata vocale: si potrà definire il luogo dove deve arrivare l’ambulanza e le principali informazioni sull’accaduto. Gli infermieri del 118 potranno, dialogando con il richiedente, stabilire il grado dell’urgenza, inviando così i mezzi di soccorso più indicati.Dopo un primo periodo di prova, il servizio è già attivo per tutta la provincia. Il modo di comunicazione, ha spiegato l’azienda, è stato testato con l’Ente nazionale sordi, non comporta spese particolari e può gestire più comunicazioni in contemporanea. Diverse associazioni delle categorie interessate hanno diffuso il sistema tra gli iscritti. Parma è la prima città in Emilia-Romagna in cui viene sperimentato il nuovo sistema di emergenza. Il servizio si integra con la piattaforma regionale e potrà poi essere esportato in altre province.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet