Snatt-Gfe, c’è l’accordo: una riunione fiume salva i facchini


REGGIO EMILIA, 14 LUG. 2011 – E’ iniziata nel primo pomeriggio di ieri e si è protratta per tutta la notte la riunione che ha portato – questa mattina alle cinque – alla firma dell’accordo GFE-Snatt, che ha deciso il futuro professionale dei 213 facchini della cooperativa GFE. In base all’intesa, siglata negli uffici di viale Aldo Moro alla presenza dell’assessore regionale alle Attività produttive Gian Carlo Muzzarelli e del vicepresidente della Provincia di Reggio Emilia Pierluigi Saccardi, è stato definito un impianto di regole e un percorso per assicurare un possibile futuro professionale di tutti i lavoratori, all’interno di Snatt, in aziende ad essa collegate, e con la positiva apertura di Agci, Confcooperative e Legacoop, che hanno manifestato disponibilità a contribuire alla soluzione di una vertenza che durava ormai dalla metà di aprile. Il caposaldo dell’accordo è l’impegno alla ricollocazione del personale, a partire da 80 assunzioni, i cui colloqui inizieranno a giorni, che si aggiungono alle 30 assunzioni già poste in essere da Snatt ed agli altri 10 lavoratori che hanno trovato nel frattempo un nuovo posto di lavoro. La Regione Emilia Romagna proseguirà l’impegno per autorizzare gli ammortizzatori sociali in deroga per coloro che risulteranno averne i requisiti, e promuoverà, se necessario, i contratti di solidarietà e la mobilità per i lavoratori. Inoltre è stata ribadita la necessità di assicurare ai lavoratori un percorso di allineamento alle condizioni economiche del contratto collettivo nazionale Trasporti e Logistica.  “L’accordo pone le basi per superare la lunga vertenza – ha sottolineato l’assessore Giancarlo Muzzarelli –  L’impegno delle istituzioni in questi mesi è stato quello di favorire l’incontro tra i lavoratori, i loro rappresentanti sindacali e Snatt, con senso di responsabilità, per trovare le condizioni tali da dare benefici a tutti gli interessati. Tutelare il lavoro oggi, con un’Emilia-Romagna in ripresa ma una situazione economica difficile, è la nostra prima priorità”. Pierluigi Saccardi, vicepresidente della Provincia di Reggio, ha evidenziato che “la Regione Emilia Romagna e la Provincia di Reggio Emilia si sono impegnate per favorire un accordo condiviso. Auspico che questo rassereni il clima e renda evidente ai più il ruolo positivo e concreto che è stato giocato dalle istituzioni locali  per trovare una soluzione ai lavoratori ex GFE, e alla SNATT per continuare ad operare attivamente nel nostro territorio. Si tratta dell’ennesima trattativa risolta grazie al ruolo importante di mediazione della Provincia e dei suoi dirigenti”. Hanno sottoscritto l’accordo – oltre a Regione Emilia-Romagna, Provincia di Reggio Emilia, Snatt Logistica Spa e le centrali cooperative regionali – la Cisl, la Uil e anche la Cgil, che era stata l’unica a non firmare il documento dello scorso 29 giugno.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet