Smart city, le città intelligenti


Dal 22 ottobre torna Smart City Exhibition (Bologna 22-24 ottobre), la manifestazione europea dedicata alle città e alle comunità intelligenti organizzata da Forum PA con Bologna Fiere. La tre giorni, che riunirà a Bologna ricercatori, makers, politici, imprenditori e cittadini, inaugura domani con il primo incontro del Forum Comune ‘Costruiamo le città del futuro, rammendiamo l’Italia!’ alle 10.00 che vedrà la partecipazione, tra gli altri, del Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, del Presidente di Confindustria Giorgio Squinzi e del Sindaco di Bologna Virginio Merola. Il Forum sarà un’occasione per ripensare il concetto del vivere urbano alla luce di una necessità che si fa sempre più urgente, quella di una innovazione a tutti i livelli. Filo conduttore di questa terza edizione di Smart City Exhibition è la consapevolezza della necessità di un’interazione verticale tra la governance e il modo di ‘utilizzare’ le città, specialmente in vista della pioggia di miliardi che sta per arrivare dalla programmazione europea (2014-2020) e di cui il 5% dovrà essere dedicato alle politiche di programmazione urbana. Tra gli appuntamenti che compongono il fitto calendario di convegni, laboratori, sessioni formative ed eventi off di Smart City Exhibition 2014, non poteva mancare nella città felsinea l’incontro dedicato al rapporto tra la città e il cibo Food & City: il futuro smart delle politiche alimentari urbane (in collaborazione con Eating City International Platform) dalle 14.30: qualsiasi città che voglia guardare al futuro non può prescindere dal tema dell’alimentazione. Poi si parte alle 9.30 alla Creativity Room con la rete WISTER – Women for Intelligent and Smart TERritories che presenta Il #fattoreD nelle politiche dei territori, laboratorio di co-design che intende rispondere alle sfide lanciate dagli amministratori nella co-progettazione di territori smart in cui, nelle politiche per il lavoro come per il turismo, per la scuola come per l’ambiente, attivare il #fattoreD (Donne e Diversità) può generare interventi innovativi ad alto impatto per l’intera cittadinanza. Bologna Smart City è l’incubatore dove il Comune di Bologna, insieme a Università di Bologna e Aster e alcune realtà del territorio – Acer, ICIE, Aeroporto di Bologna, Engeneering, Coop Adriatica – si conferma spazio di condivisione di progettualità smart che, in linea con le esperienze europee, cercano di valorizzare le conoscenze e le innovazioni tecnologiche per migliorare la qualità di vita delle nostre comunità. Alle 10.00 ci sarà l’incontro Incubatore di area metropolitana: partendo dall’esperienza del progetto “le Serre dei Giardini” promosso da Comune di Bologna, Kilowatt, Fondazione Marino Golinelli, Aster, è prevista la partecipazione di realtà pubbliche, private o nate dalla collaborazione pubblico-privata. Anche la Regione Emilia Romagna presenta i suoi progetti a Smart City Exhibition. Sempre mercoledì 22 ottobre, all’interno dello spazio Smarter Emilia Romagna, sarà presentato HOMER, progetto strategico del programma MED, nato con l’obiettivo generale di contribuire a sfruttare appieno attraverso gli Open Data il potenziale dei PSI (Public Sector Information) nel Mediterraneo.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet