Slow Food, soddisfazione per vigilanza su Wine Kit


“Soddisfazione”, da parte di Slow Food Italia per l’indagine condotta dai Carabinieri del Nac e degli organi di vigilanza che consentito di fermare un sodalizio dedito a produrre e commercializzare ‘Wine Kit’ per la creazione di vini italiani contraffatti. “Questo caso – scrive la stessa Slow Food Italia – riporta tuttavia l’attenzione sulla necessità di adottare provvedimenti legislativi più severi sul tema delle frodi alimentari, purtroppo sempre più di attualità, e in molti casi non si tratta semplicemente di pratiche commerciali scorrette e sleali che nuociono economicamente ai produttori onesti e ai consumatori, situazione già grave, ma spesso mettono anche in pericolo la salute”. A giudizio del presidente di Slow Food Italia, Gaetano Pascale, queste pratiche, “si potrebbero prevenire stroncando sul nascere fenomeni come i ‘Wine Kit’ e invece la messa al bando dell’Ue è arrivata solo dopo che questi preparati, che nulla hanno a che fare col vino, avevano trovato ampia diffusione commerciale, soprattutto sul web. Ecco perché vicende come queste, se da una parte ci tranquillizzano per l’attenzione con cui operano gli organismi di vigilanza, dall’altra ci insegnano che – chisa – è fondamentale stabilire rapporti più diretti fra chi produce e chi acquista prodotti alimentari”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet