Sisma, solo promessenella missione a Roma


MODENA, 5 DIC. 2012 – Il Governo se l’è cavata con un “pagherò”; i senatori modenesi se la sono cavata manifestando il loro malessere ieri al momento del voto di fiducia, cui non hanno partecipato o hanno votato contro. Ai lavoratori e alle imprese della Bassa terremotata non resta che aspettare per capire se le promesse saranno mantenute. E’ questo l’esito, ancora interlocutorio, del viaggio a Roma della delegazione modenese per incontrare il premier Monti. “Grazie al gran pressing del commissario Errani e di tutti i politici modenesi – sottolinea il presidente di Lapam Modena, Erio Luigi Munari – Il presidente del consiglio si è impegnato a stanziare i fondi per sostenere il fatturato delle imprese e rinviare il rimborso dei contributi non versati nella legge di stabilità, ma il tempo stringe”. Con le attuali norme, infatti, i contributi non versati dovrebbero essere restituiti entro il 19 dicembre, in pratica, già nella busta di novembre. Da qui, la grande incertezza che ancora regna, nonostante l’esito positivo del confronto con il Governo. Serve un provvedimento ponte per far slittare questa scadenza, altrimenti gli stipendi di dicembre rischiano di essere molto leggeri. Con una precisazione: nessuno tiri in ballo l’Unione Europea e il rischio sanzioni.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet