Sisma. La Ducati non lascierà i fornitori danneggiati


BOLOGNA, 24 MAG. 2012 – Tra le imprese in panne nelle zone colpite dal terremoto molte sono del settore dei motori. Diverse di queste hanno la Ducati come principale committente. Per questo la casa di Borgo Panigale ha fatto sapere che nella consegna delle moto alla rete di vendita potrebbe esserci qualche giorno di ritardo. Da lunedì la Ducati si è messa in contatto con le fabbriche fornitrici per essere al corrente dell’entità dei problemi. Gabriele Del Torchio, amministratore delegato della rossa delle due ruote, ha assicurato che i danni al sistema produttivo causati dal sisma non saranno "una scusa per portare la nostra produzione da altre parti". E’ la rassicurazione di Gabriele Del Torchio, ad di Ducati, che si è detto impressionato dalla reazione del territorio al dramma del terremoto: "Siamo vicini alle persone e alle aziende, c’è una grande determinazione di imprenditori e maestranze, cittadini e istituzioni. E questo ci dà fiducia".Quanto alle commesse, Del Torchio ha spiegato che "faremo di tutto per creare minori disagi possibili". Per questo, Ducati ha scritto una lettera ai fornitori, "per sottolineare quanto sia vitale per loro e per noi riprendere le attività". Per ora, comunque, Del Torchio non vede "motivi per cambiare basi di fornitura e altro, poi è ovvio che dipenderà dai tempi e soprattutto dalla qualità dei prodotti che arriveranno". Però, ha assicurato, "l’unica cosa che non vogliamo fare e che non faremo è quella di prendere questo terremoto come un motivo o una scusa per portare la produzione da altre parti".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet