Sisma, Gambro continuerà a investire a Medolla


11 SET. 2012 – In un incontro in Regione la multinazionale biomedicale Gambro ha assicurato di voler continuare ad investire nella bassa modenese, zona duramente colpita dal terremoto. "È un buon segnale che una grande azienda abbia deciso di investire sul territorio – ha commentato soddisfatto l’assessore alle Attività produttive dell’Emilia-Romagna, Gian Carlo Muzzarelli -. A fine mese azienda, sindacati e istituzioni sottoscriveranno un verbale di impegni di questo nuovo percorso".Il prossimo appuntamento, convocato dalla Regione, per sottoscrivere il verbale di impegni è stato fissato per mercoledì 26 settembre, alle ore 14, a Modena. Confermando gli investimenti già previsti nell’accordo dello scorso anno, durante l’incontro l’azienda ha annunciato che ricostruirà entro il 2013 lo stabilimento di Medolla colpito dal sisma: realizzerà un sito ad alta efficienza energetica e con un adeguato lay-out. Già questi interventi consentiranno di aumentare significativamente la produttività e la competitività."L’azienda – ha aggiunto l’assessore Muzzarelli – ci ha illustrato le linee generali di rilancio della ricerca e della produzione, anche per gli stabilimenti colpiti dal sisma per farsi che anche in futuro lo stabilimento di Medolla resti un centro strategico della rete della ricerca e della produzione della multinazionale del biomedicale. Naturalmente guarderemo con grande attenzione al tema della salvaguardia e dello sviluppo dell’occupazione che sarà un metro per valutare le prospettive effettive del rilancio. Ad un primo esame, pare che con gli investimenti annunciati l’azienda possa ritornare alla situazione precedente al sisma e anche rafforzarsi e rilanciare la presenza sul territorio e sui mercati internazionali".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet