Sisma, contributi al 100%Ma solo per le prime case


BOLOGNA, 11 GEN. 2013 – Il 10 gennaio è finalmente arrivato e come promesso ha portato con sé i 6 miliardi stanziati dal Governo per la ricostruzione della Bassa terremotata.   La macchina della Regione si è messa in moto da subito, l’assessore alle Attività produttive Gian Carlo Muzzarelli ha incontrato le banche e con loro ha individuato le azioni operative per spendere subito e bene i fondi.L’obiettivo è evitare il più possibile la burocrazia che ha già complicato le procedure di richiesta di finanziamento dei cittadini e delle imprese, per dare loro regole certe. Ma la Regione, annuncia Muzzarelli, farà di tutto per non lasciare nessuno indietro. E sta concentrando i suoi sforzi per sostenere i soggetti più deboli.Ma nel contempo non ci si dimentica che la ricostruzione, che secondo Promoteia terminerà nel 2019, rappresenta un’occasione unica per innovare il tessuto produttivo del cratere, a cominciare dal biomedicale.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet