Sisma, continua la mobilitazione modenese


©Trc-TelemodenaMODENA, 14 APR. 2009 – Un viaggio nel cuore della notte per raggiungere l’Aquila. Banca Popolare dell’Emilia Romagna e Carispaq, ovvero Cassa di Risparmio della Provincia dell’Aquila (appartenente al Gruppo Bper), hanno realizzato a tempo di record uno sportello bancario mobile che girerà per i comuni terremotati. La banca sarà così vicina alle migliaia di persone sfollate che, senza muoversi dal campo, potranno effettuare comodamente le normali operazioni bancarie. Per supportare Carispaq, che nell’area abruzzese conta 53 filiali, una ventina delle quali rese inagibili dal sisma, il Gruppo Bper ha allestito una vera e propria Unità di crisi. A Modena è così nato lo sportello bancario mobile, allestito nel giro di pochissimi giorni su un veicolo fuoristrada a 6 ruote motrici, adatto dunque a spostarsi anche su strade dissestate. Un mezzo completamente autonomo ed efficiente, in attesa di istituire sportelli pre-fabbricati.La solidarietà di cuochi d’eccezioneE fra le molte iniziative di solidarietà di questi giorni c’è da segnalare quella lanciata da Gianfranco Vissani e dall’Accademia nazionale Italcuochi. Nel giorno di Pasqua, cuochi professionisti hanno preparato il pranzo nei campi allestiti per i terremotati. All’opera anche lo chef modenese Massimo Bottura, che non ha esitato a lasciare la Francescana per portare calore e solidarietà a chi è stato colpito così duramente. Volontari ancora al lavoroSono ancora al lavoro al campo allestito a Villa Sant’Angelo i volontari della protezione civile modenese arrivati in Abruzzo per portare aiuto alle popolazioni colpite dal terremoto. In particolare, sono impegnati a ridurre i disagi provocati dalle piogge di questi giorni, coprendo il fondo della campo per prevenire fango e allagamenti. Allestita anche una lavanderia, la ludoteca per i bimbi e lavori sono in corso per la farmacia e l’edicola. I volontari hanno portato a Paganica letti, bagni, docce e serbatoi per l’acqua potabile, oltre ai generi di prima necessità, e l’assessore provinciale Alberto Caldana, in questi giorni in Abruzzo, ha assicurato che si continua ad organizzare turni e si valuta l’eventuale invio di altro materiale, coinvolgendo le imprese modenesi. Intanto, la Fondazione Marco Biagi ha annunciato la disponibilità a ospitare a proprie spese cinque studenti dell’università del L’Aquila che desiderino completare l’anno accademico.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet