Siglato l’integrativo per i 1800 dipendenti Apofruit


BOLOGNA, 14 MAG. 2013 – Apofruit Italia, grande cooperativa ortofrutticola che impiega oltre 1.800 lavoratori nelle province di Forlì-Cesena, Ravenna, Modena e Bologna e i sindacati regionali di categoria Fai-Cisl, Flai-Cgil e Uila-Uil hanno sottoscritto un’ipotesi di accordo per il rinnovo del contratto integrativo. Punti chiave dell’intesa sono la garanzia dei livelli occupazionali degli avventizi per il contratto 2013-15, il rientro dell’appalto della piattaforma di carico di Longiano, nel cesenate, e l’impegno dell’azienda a non appaltare né esternalizzare in tutti gli stabilimenti e non utilizzare lavoratori somministrati.Nei prossimi giorni i sindacati, che hanno diffuso una nota esprimendo ‘generale soddisfazione’, convocheranno le assemblee per l’approvazione dell’intesa da parte dei lavoratori dei singoli impianti, ma l’esito appare scontato. L’accordo conferma inoltre il legame tra salario variabile e gli obiettivi di qualità, redditività e produttività; e prevede l’introduzione di pause retribuite utili al recupero psico-fisico. E’ stabilito poi che, grazie al coinvolgimento di Comune, Provincia e Regione, "unitamente al movimento cooperativo si cercheranno possibili soluzioni per i lavoratori, già provati dal terremoto di un anno fa e dalla recente tromba d’aria, che per ragioni di riorganizzazione produttiva sono stati costretti a trasferirsi dallo stabilimento di San Martino Spino di Mirandola (Modena) a quello di Altedo (Bologna)". I sindacati apprezzano "sia l’impianto complessivo dell’ipotesi di accordo, specie per le questioni del rientro degli appalti e le garanzie occupazionali, sia il metodo adottato dalle parti, che in una fase così critica della crisi hanno saputo condividere soluzioni ed obiettivi".L’accordo sottoscritto, fa sapere l’azienda, riguarda 1.800 dei 2.150 lavoratori (di cui 170 fissi e 1.980 stagionali) degli stabilimenti della cooperativa operanti in Emilia-Romagna. "Esprimiamo viva soddisfazione – afferma Renzo Piraccini, direttore generale di Apofruit – per la responsabilità dimostrata da tutti, in primis dalle organizzazioni dei lavoratori, per la sottoscrizione di questo accordo che crea in azienda il clima necessario per operare al meglio con l’obiettivo di affrontare la crisi che colpisce anche il settore agroalimentare. In questi anni non sono mancati motivi di scontro, anche duro, ma oggi dobbiamo prendere atto che si sono create le condizioni per poter lavorare al superamento delle attuali difficoltà".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet