Sicurezza stradale, al via la seconda fase di TI-Riguarda


Salute e sicurezza prima di tutto. Per affermare questo principio, INAIL Emilia Romagna, CNA-FITA, CNA Benessere e Sanità, Confartigianato e Regione Emilia-Romagna hanno dato avvio alla seconda edizione del Progetto TI-Riguarda, campagna di prevenzione e sensibilizzazione dedicata alla sicurezza degli utenti della strada e di chi vi opera professionalmente tutti i giorni, come gli autotrasportatori.

Le condizioni operative, l’inadeguatezza delle infrastrutture viarie, l’alimentazione e gli stili di vita possono determinare situazioni in cui il rischio di incidente stradale può aumentare, specie se non vengono rispettati comportamenti adeguati e se il mezzo non viene condotto assumendo la sicurezza su strada come prioritario elemento di riferimento. Alcuni studi evidenziano che l’incidentalità che coinvolge i trasportatori è legata soprattutto a comportamenti a rischio che sono il frutto di un’errata percezione delle proprie possibilità di rispondere a situazioni di pericolo o di prevenirle. Si rileva, infatti, che gli incidenti si concentrano soprattutto nelle fasce orarie notturne; vi è un’elevata incidenza di scontri frontali e front-laterali. La fuoriuscita di strada è la causa principale degli incidenti in marcia senza urto, con una prevalenza degli incidenti su rettilineo.

Il progetto TI-Riguarda in questa seconda edizione (realizzata con la collaborazione della Fondazione Cittalia Anci Ricerche), si rivolge a tutti i conducenti, con una particolare attenzione ai conducenti provenienti da paesi diversi dal nostro, dove abitudini e stili di vita possono essere differenti, sia in ambito alimentare che comportamentale.  TI-Riguarda intende, quindi, fare prevenzione e svolgere un’azione di sensibilizzazione che parta dalla conoscenza delle norme basilari per arrivare ad un corretto comportamento alla guida. L’iniziativa si svilupperà coinvolgendo direttamente gli autotrasportatori attraverso una diffusa informazione, finalizzata a sensibilizzare i conducenti rispetto ad alcuni comportamenti “di sicurezza”, fornendo consigli sulle abitudini alimentari e toccando anche il delicato argomento dell’uso di alcool, sostanze eccitanti o psicotrope.

Queste informazioni si possono acquisire attraverso il sito: www.tir-iguarda.it Nello stesso sito si trova un questionario in italiano, inglese, francese che consente ai conducenti che collaboreranno al progetto di avere immediatamente una risposta alla domanda “Che autotrasportatore sei?”, immediatamente attraverso un profilo personalizzato che contiene anche suggerimenti su come migliorare i propri comportamenti alla guida.Sono previste, infine, attività formative che si svolgeranno nella seconda metà dell’anno con l’intento di approfondire i contenuti normativi e gli stili di guida, focalizzando l’attenzione su comportamenti “sicuri” riferiti in particolare all’alimentazione, alle performance visive ed agli accorgimenti di guida che possono migliorare tale performance; attività formative che saranno condotte dagli optometristi associati aderenti a CNA Optometristi.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet