Siamo gocce di un solo blu


Tempo fa in Sudafrica un conducente d’autobus ordinò ai passeggeri di salire a bordo come al solito, bianchi davanti e neri dietro. “Ma l’apartheid è finito e ora siamo tutti blu, signore!”, protestò un bambino. “Va bene, allora i blu chiaro salgano davanti, i blu scuro dietro”, concluse il conducente. In Sudafrica questa è una barzelletta, ma in Italia (il paese che quest’anno ha la presidenza del G8) alcuni comuni stanno per approvare delle ordinanze che vanno nella stessa direzione. A quanto pare, l’italico popolo blu non verrà diviso solo in zone diverse dell’autobus, ma anche relegato in vetture separate della metropolitana.Peggio ancora, l’esistenza di questo popolo è stata negata da Silvio Berlusconi. “Non vogliamo un’Italia multietnica”, ha dichiarato il premier (nonché proprietario del Milan, che conta quattordici giocatori stranieri), raccogliendo gli applausi dei miopi, dei boia della crescita economica e culturale e di chi vuole spingere i barconi senza verificare chi trasportano.Immigrazione non vuol dire disordine: il blu è vita. Per fortuna l’opposizione, la chiesa e i cittadini di buon senso hanno risposto con forza che la multiculturalità è un valore. Gli indiani l’hanno capito a loro spese: prima della spartizione del subcontinente nel 1947, consentivano che l’acqua fosse venduta dagli ambulanti in recipienti separati, permettendo alla gente di scegliere se dissetarsi con acqua indù o con acqua musulmana.Memori di questa follia, i sikh indiani – che contribuiscono a tenere in piedi l’industria casearia italiana – mescolano le acque del Gange con quelle del Po come segno di arricchimento reciproco, in una suggestiva cerimonia che si svolge ogni estate a Guastalla, in Emilia Romagna. Quell’unione tra liquidi è la linfa di un paese che pensa al futuro, che pensa in grande. Il blu del magnifico fiume italiano è un amalgama di gocce preziose provenienti dalle sorgenti di tutto il mondo, dal Rio delle Amazzoni allo Yangtze. Negarlo significa prosciugarlo.Laila Wadia è una scrittrice indiana nata a Mumbai. Vive a Trieste, dove lavora all’università. Il suo ultimo libro è Amiche per la pelle (e/o 2007).Si ringrazia la rivista Internazionale per la gentile concessione

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet