Si sgasano le ambizioni della Erg a Rivara


25 MAG. 2012 – Compatibili con la presenza di uno stoccaggio di gas. Così considera gli eventi sismici che stanno colpendo l’Emilia negli ultimi giorni la Ers, Erg Rivara Storage, società che da anni chiede l’autorizzazione per un mega deposito di gas a Rivara, frazione di San Felice sul Panaro. La località è a nove chilometri dall’epicentro del grosso terremoto dell’alba di domenica scorsa. L’interrogativo che tutta la popolazione dell’area si è posto è "cosa sarebbe successo se fosse stato in funzione l’impianto?". Recentemente il governo aveva dato il via libera all’azienda per effettuare una serie di test. Operazione che non è stata possibile, vista la mancanza dell’autorizzazione da parte della Regione, alla quale spetta l’ultima parola in questi casi. L’evento sismico ha fatto cambiare idea al ministro dell’Ambiente Corrado Clini: “È evidente – ha detto – che l’evento sismico va valutato con grande attenzione. Lo stoccaggio è un tema che va riconsiderato. Devono essere fatti ulteriori accertamenti”.Nel servizio di Elena Benassi le voci del comitato che da sei anni si batte contro la costruzione dell’impianto

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet