Si scrive Cie, ma si legge carcere


BOLOGNA, 6 APR. 2010 – Una volta erano i Cpt, Centri di permanenza temporanea, oggi si chiamano Cie, Centri di identificazione ed espulsione. Sono luoghi di detenzione per i migranti privi di permesso di soggiorno e di transito per i richiedenti asilo. E’ in queste strutture che vengono trattenuti gli stranieri nei confronti dei quali la magistratura ha emesso un provvedimento di espulsione o di respingimento con accompagnamento coattivo alla frontiera. Atti che non è sempre possibile eseguire in breve tempo. Specie quando per alcune persone diventa praticamente impossibile ottenere i documenti d’identità. A introdurre un cambiamento cruciale per i Cie, sia per chi li gestisce che perchi vi è trattenuto, è stato il pacchetto sicurezza entrato in vigore l’estate scorsa, il quale ha esteso da due a sei mesi il limite di tempo di detenzione nei centri. Una tale durata di permanenza "è peggio della detenzione" denuncia Desi Bruno, Garante delle persone private della libertà personale del Comune di Bologna. "Le persone trattenute – spiega l’avvocato – considerano un tempo così lungo di permanenza ingiusto, perché priva della libertà personale per un periodo oggi davvero considerevole a causa della mera condizione di irregolarità".Desi Bruno sottolinea "che il Cie non è strutturato per permanenze di così lunga durata, che trasformano in modo definitivo il trattenimento in pena detentiva, senza che sia stata prevista l’organizzazione propria del regime detentivo e le garanzie anche di tipo giurisdizionale che ad essa si accompagnano".E’ poi alta la percentuale di chi arriva dal carcere, per cui è fallita la procedura di espulsione in corso di detenzione "e per queste persone è inaccettabile una ulteriore privazione della libertà per un periodo sino a 6 mesi". La denuncia di Desi Bruno arriva attraverso una nota scritta in seguito alla visita del Cie di via Mattei a Bologna, avvenuta il 29 marzo scorso. Tra le persone incontrate dal garante, anche una donna serba di 62 anni, in Italia da 11, che ha vissuto con il genero e le nipoti, "che attendeva di essere espulsa, privata della famiglia e rimandata in un luogo ormai sconosciuto".Il Centro di via Mattei ospita circa 84 persone (49 uomini) che coprono la totalità dei posti disponibili, e 35 donne. Il numero massimo di presenze è di 95, 50 uomini e 45 donne. La situazione nella struttura, da quando è entrata in vigore la possibilità di estendere il trattenimento fino a 6 mesi "è di costante tensione", scrive il Garante."Drammatica – ha poi concluso – è la situazione di quelle persone, prive di documenti, che non si vedranno riconosciute dai paesi di appartenenza, il loro destino è rimanere al Cie per tutto il tempo dei 6 mesi, uscire dal Centro ma ritornarvi al primo controllo e rimanervi di nuovo, e così via senza poter mai avere un riconoscimento della loro esistenza fuori da questo circuito".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet