Si parte


BOLOGNA, 6 AGO. 2010 – Le vacanze degli italiani passano dall’Emilia-Romagna, soprattutto in questo weekend. Meta turistica tra le più quotate anche quest’anno (anche se in leggero calo), la nostra regione è anche uno dei principali nodi del traffico estivo, e nel fine settimana che sta per aprirsi attraverserà uno dei suoi momenti più critici. E’ già cominciato infatti il secondo esodo di agosto, quello che dà il via ai 15 giorni in cui si concentrano le ferie per il maggior numero di italiani. Dopo una mattinata relativamente tranquilla, oggi pomeriggio il traffico sulle prinicpale arterie emiliano romagnole sta via via intensificandosi, anche se al momento non risultano situazioni di particolare disagio. Eventuali situazioni di criticità sono però previste nelle giornate di sabato e domenica, contrassegnate non a caso dal temutissimo "bollino nero".Gli spostamenti del weekend saranno di lunga percorrenza soprattutto nella direttrice nord-sud. Le tratte con traffico più intenso sono sulla A1 Milano-Napoli tra Modena sud e Modena nord, tra Firenze Scandicci e Calenzano e tra Barberino e Roncobilaccio – entrambe in direzione di Bologna – sull’A14 Bologna-Taranto, tra Cesena e Rimini sud. Sabato dalle ore 7 alle 23 e domenica dalle ore 7 alle 24 sarà comunque disposto il blocco dei mezzi pesanti. Sul sito internet www.autostrade.it sarà possibile consultare i possibili itinerari alternativi, che potranno essere suggeriti a seconda delle situazioni di traffico, la mappa aggiornata di tutte le postazioni di controllo della velocità, e le tratte dove il Tutor, il sistema che misura la velocità media, è attivo.Ma fra tutti quelli che attraverseranno la nostra regione, una buona parte ha in programma anche di fermarcisi. Con l’8% delle preferenze, infatti, l’Emilia-Romagna è quest’anno la quarta regione tra quelle scelte dagli italiani per le vacanze estive. Secondo lo studio previsionale di Federalberghi, a precederla ci sono solo la Puglia, preferita dal 10,6% dei nostri connazionali, la Sardegna (9,7%), la Sicilia (8,8%). La domanda per l’Emilia-Romagna è però leggeremente inferiore rispetto allo scorso anno, quando nella medesima classifica era stata scelta dal 10% dei turisti italiani.A invertire la tendenza ci sono i lidi ferraresi, che dopo una partenza incerta a giugno – dovuta a nche al maltempo –  e un luglio un po’ sottotono, si stanno prendendo una bella rivincita in questo inizio di agosto. I bagnini sono contenti, parlano di un periodo al di sopra delle previsioni e ringraziano soprattutto i turisti che arrivano dall’estero. Dopo un po’ di anni assenza, olandesi, francesi e tedeschi sono finalmente tornati, come confermano gli albergatori subissati da continue richieste. Il punto di forza dei lidi ferraresi sono le spiagge, attrezzate con sempre più numerosi campi da calcetto. Ma questo è il regno del beach tennis, uno sport che ormai vanta tornei ufficiali e anche una classifica nazionale. E chi sorride è anche Bologna, che forte delle sue 525 strutture alberghiere ed extralberghiere si prepara a toccare il lusighiero livello di un milione di visitatori annui. Nel 2009, nonostante la crisi economica, sono arrivati quasi 860mila turisti, circa il 3% in più dell’anno precedente. E in questa stagione sembra che le cose vadano ancora meglio. A scegliere le Due Torri sono soprattutto gli italiani, provenienti perlopiù da Lombardia, Campania, Lazio e Emilia-Romagna. Ma anche gli stranieri – in gran parte tedeschi, seguiti a ruota da francesi, spagnoli e inglesi – sono in aumento. Nella maggior parte dei casi il soggiorno dura poco: chi arriva in genere vede quello che la città ha da offrire e fa le valigie in un paio di giorni.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet