Cciaa, accorpamento Parma, Reggio e Piacenza


Le tre Camere di Commercio delle province di Parma, Reggio Emilia e Piacenza, hanno dato il via libera all’accorpamento che porterà alla nascita di una delle più grandi realtà camerali italiane, con 200 dipendenti e altissimi livelli di informatizzazione dei servizi, forte della
presenza di quasi 160.000 imprese iscritte, su una superficie di 8.325 chilometri quadrati.
Le delibere dei Consigli camerali saranno comunicate a Unioncamere e passeranno al vaglio del ministero dello Sviluppo Economico, chiamato a pronunciarsi sull’accorpamento, la cui
realizzazione avverrà presumibilmente all’inizio del 2018. La nuova Camera di Commercio sarà la più grande dell’Emilia-Romagna e tra le prime d’Italia. Opererà su un territorio in cui sono presenti 159.179 imprese con 509.999 addetti, generando un valore aggiunto di 37,5 miliardi ed un export di 19,5 miliardi: il 30% dell’economia regionale. La nascente Camera di Commercio avrà più di 70 milioni di patrimonio netto e quasi 25 milioni di incassi annuali.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet