Seta cerca presidente del Cda


C’è tempo fino alle ore 13 di mercoledì 18 aprile per presentare al Comune di Modena proposte di candidatura o autocandidature per la nomina del presidente del consiglio di amministrazione di Seta spa, la società che gestisce il trasporto pubblico a Modena, Reggio e Piacenza.

Con la stessa scadenza devono essere prestate le candidature anche per la nomina del presidente e di un consigliere di Cambiamo spa, di un consigliere della Fondazione Casa di Enzo Ferrari Museo, di un consigliere della Fondazione Democenter-Sipe e di un consigliere della Fondazione scuola materna Guglielmo Raisini.

Per Seta il Comune deve designare un candidato che sarà nominato dagli enti locali della provincia come presidente della società, resterà in carica per il periodo stabilito alla sua nomina e comunque non oltre tre esercizi e scadrà alla data dell’Assemblea della società convocata per l’approvazione del bilancio relativo all’ultimo esercizio della sua carica. L’Assemblea potrà deliberare un compenso annuo.

I candidati nominati nei CdA di Cambiamo, Fondazione Casa di Enzo Ferrari Museo e Fondazione Democenter-Sipe resteranno in carica per tre anni, mentre nella Fondazione scuola materna Guglielmo Raisini per quattro anni. Le cariche relative a questi enti sono a titolo gratuito.

Tutte le nomine e designazioni verranno effettuate nel rispetto dell’equilibrio di genere.

Le proposte di candidatura o le autocandidature, indirizzate al sindaco del Comune di Modena, possono essere inoltrate tramite posta elettronica certificata (Pec), all’indirizzo politichefinanziarie@cert.comune.modena.it o consegnate direttamente alla segreteria del settore Risorse finanziarie e affari istituzionali (via Scudari 20, martedì, mercoledì e venerdì dalle 8.30 alle 13; lunedì e giovedì dalle 8.30 alle 13 e dalle 15 alle 18).

Possono presentare proposte di candidatura il sindaco e i consiglieri comunali, il rettore, i presidenti di Facoltà e i direttori di Dipartimento dell’Università, gli organi direttivi locali degli Ordini e dei Collegi professionali, delle associazioni iscritte all’Elenco comunale delle forme associative, delle Organizzazioni sindacali e delle Associazioni di categoria. Sono inoltre consentite autocandidature con il sostegno di almeno dieci firme apposte da professori o ricercatori dell’Università, iscritti agli Ordini o Collegi professionali, singoli componenti degli organi direttivi delle Associazioni iscritte all’Elenco comunale delle forme associative, delle Organizzazioni sindacali e delle Associazioni di categoria.

I candidati devono avere i requisiti per la nomina a consigliere comunale, una comprovata esperienza tecnica o amministrativa, per studi e ricerche compiuti, esperienze maturate, per funzioni svolte presso enti o aziende pubbliche o private, o documentate esperienze di impegno sociale e civile, possedere i requisiti per ricoprire la carica di amministratore di enti previsti dalla normativa vigente. I candidati possono sottoscrivere la nota di indirizzi e obiettivi per l’espletamento del mandato allegata ai relativi avvisi e dovranno aderire al documento “La carta di Avviso pubblico. Codice etico per la buona politica”. Per informazioni è possibile rivolgersi al Servizio Finanze, economato e organismi partecipati, via Scudari 20, tel. 059 2032592.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet