Seta approva il bilancio


Si è tenuta questa mattina presso la sede di Modena l’assemblea dei soci di Seta Spa, convocata per esaminare l’andamento gestionale dell’azienda. Il bilancio d’esercizio 2014 si è chiuso con un utile di 546.240 euro, un risultato positivo – superiore, per dimensioni, rispetto agli obiettivi fissati nel Piano Industriale 2012-2014 – che conferma la scelta strategica della crescita dimensionale della società e della integrazione tra i territori di Modena, Piacenza e Reggio Emilia. Nella relazione presentata ai Soci, Pietro Odorici (Presidente ed Amministratore delegato di Seta), ha così commentato il secondo bilancio chiuso positivamente dall’azienda: “Il Piano Industriale, predisposto nel 2011 in uno scenario che nel frattempo è profondamente mutato, fissava diversi obiettivi che in gran parte sono stati realizzati: l’efficientamento dell’azienda; la razionalizzazione delle risorse umane nel rispetto del turn over e senza effettuare licenziamenti; l’integrazione delle procedure di lavoro e dei sistemi informativi gestionali; la realizzazione di investimenti in nuovi mezzi e in tecnologie; la lotta all’evasione tariffaria. Mi appresto a lasciare la conduzione di Seta dopo 8 anni di intenso lavoro che hanno trasformato e snellito l’azienda, che oggi esprime una cultura manageriale orientata al conseguimento dei risultati pur mantenendo la sua natura di società che svolge un pubblico servizio. Seta oggi non è più l’assemblaggio di tre distinte realtà, ma un’azienda nella quale opera una struttura fortemente integrata, che sta costruendo una propria visione aziendale ed un senso di appartenenza comune. Il mio auspicio è che possa diventare l’azienda di tutta l’Emilia e che come tale sia sentita dai Soci Pubblici e dalle comunità servite”.

PRINCIPALI DATI DEL BILANCIO SETA 2014. La produzione di servizi è rimasta sostanzialmente invariata nei tre bacini serviti, attestandosi ad un totale di 29,5 milioni di chilometri percorsi. Il valore della produzione (dato dal totale di ricavi delle vendite, proventi diversi e contributi da Agenzie ed Enti locali, al netto delle quote di contributi agli investimenti) è pari a 104,7 milioni di euro (+0,5%). Il Margine Operativo Lordo è stato di 13 milioni di Euro, in crescita del 32,1% rispetto al 2013 e del 62,4% rispetto al 2012 evidenziando un netto miglioramento della gestione caratteristica. I passeggeri trasportati sono stati complessivamente 52.762.780 rispetto ai 52,3 milioni del 2013 (+0,96%). Molto incisiva è stata la lotta all’evasione, con una crescita consistente delle sanzioni elevate che tra il 2012 ed il 2014 sono passate da 46.000 ad 83.000 l’anno. Nel 2014 gli incassi da sanzioni sono ammontati ad 1,1 milione di euro; nel triennio 2012-2014 il totale delle somme incassate dalle multe è di oltre 2,6 milioni. L’efficientamento della gestione è testimoniato dal processo graduale ma costante di riduzione del personale: dai 1.106 addetti confluiti in Seta all’inizio del 2012 ai 1.063 dipendenti di fine 2014 (di cui 934 tra autisti ed addetti alle officine), il tutto accompagnato da una riduzione dell’assenteismo (-9,9%) e delle ore di straordinario (-16,2%). La flotta è costituita da 810 mezzi: 26 alimentati ad energia elettrica, 54 a Gpl e 77 a metano.

IL PIANO DI INVESTIMENTI. Gli investimenti effettuati nel triennio 2012-2014 e quelli già avviati nel 2015 superano i 29,2 milioni di euro, con 9,4 milioni di contributi pubblici. Dal 2012, primo anno di attività di Seta, ad oggi i mezzi complessivamente immessi in servizio sono stati 122 di cui 76 nuovi (rispetto ai 50 previsti nel Piano Industriale) e 46 usati d’occasione, con percorrenze ed anzianità molto ridotte. Grazie a questa consistente attività di investimenti in materiale rotabile l’età media della flotta Seta, che nel 2012 si attestava a circa 13 anni, è scesa nel 2014 ad 11,2 anni. Sotto il profilo degli investimenti in tecnologie Seta ha avviato il sistema di bigliettazione elettronica nel bacino provinciale di Piacenza, ha migrato ad uno nuovo standard tecnologico quello in uso nel bacino di Modena, ha reso operativo il sistema di monitoraggio satellitare nei bacini di Reggio Emilia e Piacenza affiancandolo a quello già presente a Modena, oltre ad aver razionalizzato ed unificato i sistemi informativi in uso nelle tre diverse aziende confluite in Seta.
Il bilancio 2014 è stato posto ai voti ed approvato dall’assemblea all’unanimità, con la sola astensione da parte del Comune di Vignola. Dopo l’approvazione del bilancio l’Assemblea dei soci ha deliberato di prorogare l’operatività dell’attuale Consiglio di Amministrazione: è stata quindi fissata una nuova assemblea ordinaria che si terrà il prossimo 2 settembre.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet