Serie A: un grande Bologna ferma la Juve


BOLOGNA, 27 SET. 2009 – Il Bologna calcio è stato uno dei protagonisti della sesta giornata del campionato. Con un gol di Adailton allo scadere, ha smorzato gli entusiasmi della Juventus e le impedito di portarsi al comando della classifica approfittando della sconfitta rimediata ieri dall’Inter a Genova contro la Sampdoria, che rimane quindi sola in prima posizione. L’1 a 1 di Torino è un risultato molto importante per gli uomini di Papadopulo, sia in termini di classifica che dal punto di vista psicologico. In trasferta contro una grande, la squadra rossoblu ha offerto la prova più convincente dall’inizio della stagione: una prestazione che fa ben sperare e dà morale al gruppo.E’ stato un Bologna onesto e corridore, dal pressing asfissiante e dalle enormi risorse di fiato, quello che è riuscito a fermare la Juventus recuperando il gol segnato da Trezeguet al 24′ del primo tempo. Oltretutto, i rossoblù avevano già annunciato il pareggio in due clamorose occasioni, con Di Vaio a tu per tu con Buffon. E nonostante l’uscita dell’uomo più pericoloso, appunto Di Vaio, la Signora è riuscita a farsi raggiungere, con una azione fotocopia di quella che ha portato al pareggio dei bianconeri con il Bordeaux, nella solita zona fatale, la sinistra. Ma la squadra torinese non è piaciuta per niente in nessun reparto. Ha iniziato con Diego, che ha regalato un paio di fiammate in rifinitura e niente più, ma si è persa in fraseggi stretti troppo insistiti, senza quasi mai usare le fasce.Il Bologna a centrocampo era in superiorità numerica e quando Diego, oggi meno attivo del solito nel rincorrere l’avversario, ha lasciato il posto a Giovinco, come al solito inconsistente e inutile, la Juve ha subito ancora di più. La mossa di Ferrara non è apparsa ispirata: forse era meglio Poulsen per arginare la superiorità territoriale e di ritmo degli uomini di Papadopulo. Ma la più grave colpa bianconera è stata quella di non aver chiuso la partita. Nonostante non lo meritasse, la Signora ha avuto la palla nitida per il 2-0, ma Camoranesi l’ha spedita sul palo di testa. Il Bologna invece ha combattuto fino all’ultimo: una costanza che ha dato i suoi frutti, visto che il nuovo entrato Adailton, appostato sul secondo palo, approfitta di un mancato recupero di Molinaro e segna l’1-1 al terzo minuto di recupero. Finisce così, un risultato giusto che riporta il buonumore in casa rossoblù e ridimensiona le ambizioni dell Juve: cinque palle gol dei felsinei contro due dei bianconeri sono un dato imbarazzante per chi ha l’ambizione di strappare lo scudetto all’Inter.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet