Sempre più veicoli a metano


I veicoli a metano si fanno largo sulle strade dell’Emilia-Romagna: nel 2013, sommando quelli immatricolati e quelli trasformati, se ne sono contati 17.667, contro i 16.058 del 2012; dunque, un +10%. Lo evidenzia un’analisi condotta dall’Osservatorio Federmetano, struttura di ricerca per il metano per autotrazione. Tra le province dell’Emilia-Romagna, quella con la percentuale maggiore di crescita di veicoli a metano è Modena (24,5%), seguita da Bologna (22,9%) e Rimini (16,9%). La classifica del ”boom” vede infatti primeggiare Modena con 1.940 mezzi a metano (contro i 1.558 del 2012), seguita da Bologna con 4.835 (erano 3.934) e Rimini con 1.263 (erano 1.080); dietro, si piazzano Reggio Emilia con 1.778 (1.663) e un +6,9%; Forlì con 1.596(1.507) e un +5,9%; Parma con 2.557 (2.497) e un +2,4%; Ravenna con 1.697 (1.674) e un +1,4%. Ma ci sono stati anche dei cali: Ferrara conta 1.210 veicoli a metano ma nel 2012 erano 1.306, dunque un -7,4; anche a Piacenza c’è una diminuzione e parecchio consistente: da 839 a 279, -66,7%. Con il suo +10%, l”Emilia-Romagna e” la decima regione in Italia per tasso di crescita di autoveicoli a metano. A livello nazionale nel 2013 gli autoveicoli a metano immatricolati nuovi insieme a quelli trasformati sono stati 93.534, contro gli 80.452 del 2012; vi e” quindi stato un aumento del 16,3%. La regione in cui la crescita e” stata maggiore e” il Piemonte (88%), seguita dal Lazio (con il 72,8%) e da tre regioni del sud: Basilicata (43,6%), Puglia (37,1%) e Campania (24,6%).

 

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet