Sempre più reti di impresa: oltre 500 contratti


BOLOGNA, 4 DIC. 2012 – La quota simbolica dei 500 contratti di rete è stata superata. A due anni e mezzo dalla prima aggregazione sono ormai più di 2800 le imprese che aderiscono in Italia a questo nuovo strumento di collaborazione, con cui accrescere capacità innovativa e competitività sul mercato. E l’Emilia Romagna, con 312 aziende coinvolte, è terza tra le regioni dopo Lombardia e Toscana. A diffondere i dati è Retimprese di Confindustria, guidata dal vicepresidente nazionale Aldo Bonomi.In un paese in cui il 98,5 per cento delle imprese è di piccole e medie dimensioni, le reti diventano uno strumento per affrontare la crisi e ripartire. Confindustria si è posta l’obiettivo di arrivare a 2 mila contratti e diecimila aziende aderenti entro la fine del mandato di Giorgio Squinzi.E’ un processo, questo, necessario e ormai incontrovertibile, sostiene Bonomi. Per questo è fondamentale permettere alle imprese in rete di partecipate alle gare indette dalle pubbliche amministrazioni. Un provvedimento previsto nel ddl Semplicazioni che forse non riuscirà a essere convertito in legge, ma che si spera Governo e Parlamento riescano comunque a disciplinare prima della fine della legislatura.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet