Sempre più aziende biologiche in ER


BOLOGNA, 5 SET. 2012 – E’ aumentato, nel 2011, il numero di aziende biologiche presenti in Emilia-Romagna. A pochi giorni dall’inaugurazione di Sana, il salone del biologico e del naturale in programma a Bologna dall’8 all’11 settembre, sono state censite le imprese regionali che per i loro prodotti non hanno utilizzato ogm, pesticidi, concimi o altre sostanze chimiche artificiali. Nella nostra regione, all’avanguardia a livello nazionale, il dato in crescita dell’1,3 per cento rispetto al 2010, a quota 3661. Aumentano sensibilmente i trasformatori, ossia le imprese dedite alla sola lavorazione e vendita dei prodotti (+4,4%), mentre tengono i produttori (+0,3%), ma tra questi si riduce il numero degli allevatori (-6,5%). Tra le province, quella con il maggior numero di operatori bio è, come sempre, Forlì-Cesena con 672 aziende. L’ncremento più spiccato lo registra invece Rimini con un +13,2% che però non la smuove dall’ultima posizione  a livello assoluto con solo 197 imprese. L’unica in controtendenza è Parma : -2,9% per 544 aziende.Perfetta parità a Modena, ferma a quota 511 proprio come nel 2010. KLa provincia conta 131 trasformatori e 380 produttori. Tra questi, 190 sono aziende interamente dedite a produzioni biologiche, 72 sono misti (biologico più convenzionale) e 118 in conversione verso la produzione bio certificata.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet