Scuola: è taglio selvaggio. Meno 1637 insegnanti, più 9700 studenti


BOLOGNA, 23 APR. 2009 – Secondo il piano del ministero dell’istruzione "Mary Star" Gelmini, a settembre nelle scuole dell’Emilia-Romagna (da quella dell’infanzia fino agli istituti superiori) ci saranno 1.637 insegnanti in meno rispetto all’attuale anno scolastico. Un taglio a cui corrisponde un maggior numero di alunni, circa 9.700 in più rispetto a oggi. A denunciare la situazione sono i rappresentanti di Cgil, Cisl e Snal dell’Emilia-Romagna, che per questo chiederanno al governo di riaprire la trattativa per rivedere gli organici.In base ai dati ministeriali, sui 1.637 docenti in meno, 1.039 sono quelli dell’organico di diritto, cioé personale ‘titolare’ assegnato per coprire le emissioni di ruolo, i trasferimenti ecc. A questi vanno aggiunti altri 278 di organico di fatto (quello distribuito in base a necessità contingenti). Dai tagli resta immune la scuola dell’infanzia: a livello regionale a settembre ci saranno 42 posti in più, ma anche in questo caso, a pesare sarà soprattutto l’aumento di bambini stimato in 714. Il rischio, a questo punto, secondo i sindacati, é che vengano intaccate ad esempio alcune sezioni pomeridiane, ‘sacrificate’ per carenza di personale.Situazione difficile anche nella scuola primaria dove, in base ai dati della Direzione scolastica regionale, l’organico di diritto vedrà un taglio di 265 docenti, con il record a Reggio Emilia (-61), seguita da Forlì-Cesena (-42) e Bologna (-36). Alle medie i tagli previsti ammonteranno a 369 docenti (-79 a Bologna, -64 a Modena), mentre alle superiori saranno complessivamente 427, con Modena e Bologna entrambe a quota -75 seguite da Reggio (-52) e Parma (-47). Oltre alla mobilitazione contro il governo, i sindacati chiedono "un intervento forte e puntuale delle forze politiche, degli enti locali e della Regione che – si legge in una nota dei tre sindacati – non possono dirsi estranei alle sorti della scuola statale, che tanta parte è dello sviluppo democratico e sociale del nostro territorio".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet