Scuola: è il momento della resa dei conti


7 GIU. 2010 – Chi sì è trovato a passare questa mattina nel centro di Bologna ha potuto veder scritto a grandi e chiare lettere sulla Torre degli Asinelli il grido di allarme dei lavoratori della scuola italiana. Il Coordinamento dei precari e i Cobas hanno srotolato uno striscione che diceva "No ai tagli" e ben esprimeva la situazione di emergenza che ha portato addirittura al blocco degli scrutini in 15 dei 32 istituti cittadini. "Sono oltre 500 i docenti di Bologna e provincia che lo sostengono, perché non possono accettare in silenzio gli ennesimi provvedimenti che tagliano il futuro di altre 41 mila persone", hanno spiegato i promotori della protesta, che continuerà anche nella giornata di domani. Gli alunni dovranno dunque aspettare per avere i loro voti, mentre la scuola pubblica italiana ha già rimediato un’inappellabile bocciatura.Cobas, Orsa, Rdb-Cub, Unicobas, Usi Ait scuola prevedono che l’agitazione "bloccherà gli scrutini di oltre 130 classi, coinvolgendo più di 3.000 studenti". Le scuole toccate dallo sciopero, hanno scritto in una nota, sono Aldini, Adrovandi, Belluzzi, Copernico, Luxemburg, Sabin, Serpieri, Aldo Moro, Rodari Jussi di S.Lazzaro, Medie Pepoli, Alberghetti di Imola, Innocenzo da Imola, Ipsia di Crevalcore, Keynes di Castel Maggiore, Mattei di San Lazzaro, Salvemini di Casalecchio, Montessori di Porretta. In tutti questi istituti, a preoccupare i manifestanti sono le decurtazioni di risorse e personale nel mondo dell’istruzione. Stando ai loro dati, infatti, il prossimo anno scolastico mancheranno oltre 25 mila insegnanti, con l’incubo per molti precari di restare senza lavoro.Ai piedi della Torre degli Asinelli c’era chi ha il contratto già scaduto, e quindi ha scelto di protestare "perché l’anno prossimo non sapremo se lavoreremo ancora". Oppure chi, forte di ben tre abilitazioni – "per insegnare italiano, storia e geografia nelle scuole medie, ma anche educazione civica e storia dell’arte nelle scuole superiori" – si ritrova senza lavoro dopo 6 anni di insegnamento. Tutti avevano un cartellino attaccato alle magliette con la scritta "Chi lo rivedrà a settembre?", per rendere evidente la precarietà del loro futuro. E, dopo lo striscione calato dall’alto, ne hanno voluto stenderne hanno poi steso sotto le Due torri un altro grande striscione che ha occupato quasi tutto il piazzale a fianco della statua di San Petronio, con scritto in blu: "Difendiamo la scuola pubblica". A Piacenza si persegue invece una forma di lotta ben più drastica. "A mali estremi, estremi rimedi", dice Manuela Calza, segretario locale di Flc-Cgil, per illustrare la decisione presa dagli insegnanti cittadini, che hanno cominciato uno sciopero della fame. Per protestare contro la riforma Gelmini, quattro di loro hanno deciso di dare il via ad una staffetta e si sono messi a digiuno uno dopo l’altro per un’intera giornata. Ma molti colleghi li hanno immediatamente raggiunti in un gazebo allestito per l’occasione nella centralissima piazza Cavalli, aderendo ad un’iniziativa che da Piacenza potrebbe allargarsi in tutta Italia."L’obiettivo è sensibilizzare l’opinione pubblica su quello che sta accadendo alla scuola pubblica italiana", spiegano. Nei cartelli appesi si leggono infatti frasi come "Difendiamo la scuola pubblica da Ineguaglianza Impoverimento e Individialismo – le tre I", oppure "Se pensi che l’educazione sia costosa, prova l’Ignoranza". Ma l’elenco può continuare con Il taglio al personale docenti e agli assistenti, l’aumento dei finanziamenti alle scuole private, l’accorpamento delle classi. "Vivo sulla mia pelle e sulla pelle degli studenti questo smantellamento – dice un’insegnante precaria – perché si parla di accorpamento di classi d’insegnamento, ovvero in gergo di classi di concorso, indiscriminate, senza andare a vedere qual è la realtà classe".E per rendere più forte la protesta, gli insegnanti hanno aperto anche un gruppo su Facebook, chiamandolo proprio "Sciopero della fame". Dalle pagine del social network più famoso del mondo, invitano "tutti coloro che ci vogliono sostenere a passare presso la nostra tenda e anche a passare un giorno di digiuno, di sciopero della fame, affinché la scuola possa riprendere ad andare un po’ meglio di quanto non stia andando adesso".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet