Scudo fiscale: San Marino “conta” poco


in collaborazione con Teleromagna29 SET 2009 – Ammonterebbero ad oltre 2 miliardi di euro i patrimoni degli italiani detenuti nella Repubblica di San Marino che potrebbero essere rimpatriati o regolarizzati con lo scudo fiscale. Lo ha riferito oggi il generale della Guardia di Finanza Giuseppe Vicanolo nel corso di un convegno sui paradisi fiscali. Una cifra enorme, ma che eppure rappresenta ben poca cosa rispetto ai 278 miliardi di euro di stima complessiva che gli italiani custodirebbero all’estero, fuori dalla portata, almeno per il momento, del fisco nazionale. La parte più consistente di questo immenso tesoro, attorno ai 125 miliardi, sarebbe detenuta in Svizzera, ha precisato il generale delle Fiamme Gialle, altri 86 miliardi si troverebbero nelle casseforti del Lussemburgo, il rimanente, circa 14 miliardi di euro, sarebbe sparpagliato in diversi altri paesi, compresi, appunto gli oltre 2 miliardi depositati sul Titano.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet