Sciopero dei trasporti, disagi per bus e treni locali


3 OTT. 2011 – E’ scattato stamattina lo sciopero nazionale di 24 ore del trasporto pubblico locale proclamato dall’Usb, l’Unione sindacale di base. Disagi, dunque, per chi si sposta in autobus, e treno. I lavoratori incrociano le braccia con il rispetto delle fasce di garanzia, diverse da città in città. A Bologna lo stop ci sarà dalle 8.30 alle 16.30 e dalle 19.30 a fine servizio. L’Atc avverte dunque gli utenti che "negli orari di sciopero, i servizi di trasporto pubblico urbano, suburbano ed extraurbano non saranno garantiti".A Reggio Emilia è stato organizzato un presidio alle 10.30 davanti alla stazione ferroviaria. La direzione di Act comunica  che i servizi di trasporto bus urbano ed extraurbano potranno subire disagi nelle fasce orarie interessate, dalle 9 alle 13 e dalle 15.30 fino a fine servizio.La protesta è stata indetta dall’Usb contro il taglio del 70% delle risorse dedicate al settore, "che sta già producendo esuberi, taglio di salario, aumento delle tariffe e diminuzione del servizio" e "per difendere il futuro occupazionale di 150.000 lavoratori del settore, il diritto alla mobilità, la natura pubblica del servizio". La scelta del 3 ottobre si inquadra nell’ambito della mobilitazione internazionale indetta per oggi dalla WFTU, la Federazione sindacale mondiale di cui Usb è membro, che vedrà iniziative di lotta in molti Paesi. MERCOLEDI’ SCIOPERO DEI BIGLIETTAI A BOLOGNAMercoledì 5 ottobre dalle 8.30 alle 16.30 potrebbero verificarsi disagi per coloro che si rivolgono alle biglietterie e ai punti informazione "Atcittà" di Bologna. In una nota dell’Atc si legge che tali centri di vendita e informazione "potranno essere chiusi o subire una riduzione dei servizi". La ragione è uno sciopero, indetto sempre dall’Usb, che riguarda i lavoratori della società che gestisce il sevizio di biglietteria nel capoluogo emiliano.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet