Scandalo Volkswagen, timori per Ducati e Lamborghini


Il caso Volkswagen si sta allargando a macchia d’olio e potrebbe coinvolgere anche l’Europa. Dopo le notizie sulle migliaia di auto con le centraline truccate per superare i test delle emissioni, le ripercussioni potrebbero pesare anche sull’industria italiana, che conta molti subfornitori della casa tedesca. Preoccupazione è stata espressa anche dal mondo industriale bolognese e dalla Cigl, che hanno parlato del caso Volkswagen durante un convegno sui rapporti industriali tra Italia e Germania. Il numero uno di Unindustria, Alberto Vacchi, ha rassicurato la platea sulla tenuta di Lamborghini e Ducati, due storici marchi del gruppo tedesco: “Lamborghini e Ducati sono aziende che hanno una propria sostenibilità, vendono e crescono a prescindere, non credo che abbiano un impatto diretto da una crisi del mondo Volkswagen. Gli effetti prospettici nessuno li conosce, speriamo che non ci siano tracolli di produzione che poi a cascata, anche nel nostro territorio, potrebbero riguardare più gli indotti che non le specifiche realtà del gruppo come Ducati e Lamborghini, che credo non abbiano problemi da questo punto di vista. Speriamo che gli effetti siano i più contenuti possibile, ma comunque ci saranno, visto che un calo di vendite è prevedibile”.

Riproduzione riservata © 2017 viaEmilianet