Scalata Bnl, Unipol assolta in via definitiva


Arriva dopo 10 anni la sentenza definitiva della Corte di Cassazione che assolve, “perchè il fatto non sussiste”, gli imputati (tra i quali Antonio Fazio, gia’ governatore della Banca d’Italia e l’ex presidente di Unipol, Giovanni Consorte), per il reato di aggiotaggio per la tentata scalata di Unipol alla Bnl. I fatti ebbero una particolare enfasi mediatica, oltre per i nomi sopracitati, anche perche’ fu coinvolto Stefano Ricucci, quello dei “furbetti del quartierino”, che tento’ la scalata al Corriere della Sera. Il reato si era già prescritto, ma sono stati proprio gli imputati a voler arrivare fino in fondo. Fra gli assolti, Guido Leoni, ex presidente della Banca polare dell’Emilia Romagna,  Ivano Sacchetti e Carlo Cimbri, tutti accusati di aggiotaggio nell’inchiesta sulla tentata scalata alla Bnl da parte del gruppo assicurativo. Tutti gli imputati erano stati assolti dalla Corte di Appello di Milano nel 2013. Ora il pronunciamento della Cassazione chiude definitivamente il caso.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet