“Sbagliata l’equazione legge Biagi uguale precariato”


©Trc-TelemodenaMODENA, 20 MAR. 2012 – Dieci anni di convegni nel ricordo di un grande anche per riabilitarne l’immagine, per troppo tempo associata a quei contratti di lavoro cosiddetti “leggeri” – i famigerati CoCoCo e CoCoPro – che rappresentano il declino economico dell’Italia nell’immaginario collettivo. Marco Biagi, il professore, l’esperto di economia, la fucina di idee che Pietro Ichino – uno dei massimi esperti italiani di diritto del lavoro – ha voluto onorare dando il proprio contributo al dibattito sul futuro dell’Italia in corso a Modena. Quella di Biagi è un’eredità preziosa e attuale, secondo Ichino, proprio nei giorni della grande concertazione tra sindacati e Governo tecnico sul tema della flessibilità del lavoro, il famoso articolo 18. Che Ichino propose di riformare, con il piano che ancora porta il suo nome, già lo scorso anno: più contratti indeterminati, ammortizzatori reali e reali strumenti per licenziare. Il frutto di un’idea partita da lontano che mise Ichino nel mirino delle nuove Brigate Rosse, assieme allo stesso Biagi. Oggi la concertazione non è violenta ma rimane estremamente delicata.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet