Satira politica a Reggio Emilia: arriva lo “sceriffo”


REGGIO EMILIA, 10 MAG. 2009 – Ci vuole soprattutto molta pazienza per seguire la campagna elettorale reggiana. Oggi l’ex autorevole Corriere della Sera scrive: “Referendum il rebus leghista: a Reggio Emilia il Carroccio perderebbe un’occasione storica”. L’assioma è questo: Graziano Delrio è al 40% (ma chi lo dice? una volta non si citavano le fonti?) quindi si va al ballottaggio e il contendente è Angelo Alessandri (appoggiato, aggiunge il Corriere, da Massimo Salsi, dirigente “della potente Coopservice”). Ah ah ah, risate tra il pubblico.Il Corriere omette di citare una delle ultime sparate di Alessandri, pronunciata in occasione della festa della polizia. “Adesso ci vuole un cambio vero, un amministratore in prima linea ed un Sindaco anche sceriffo… Io sono pronto a farlo”. Et voilà, basta sindaci che non servono a un cavolo, meglio uno sceriffo. Ma il cavallo, la sella, gli stivali e gli speroni glieli dobbiamo comprare noi o se li porta Alessandri da casa? Comunque se proprio dobbiamo scegliere, tra lo sceriffo e il sindaco noi continuiamo a votare il sindaco.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet