Sassuolo, si può di nuovo pregare in moschea


©Trc-TelemodenaSASSUOLO (MO), 7 MAG. 2010 – Il venerdì è il giorno in cui i musulmani si recano in moschea per le preghiere pubbliche. E proprio oggi gli islamici di via Cavour a Sassuolo tornano a pregare nella sede cittadina della loro associazione. I giudici del Consiglio di Stato hanno sospeso, infatti, con una ordinanza del 4 maggio scorso, l’efficacia della sentenza emessa dal tribunale amministrativo regionale nella quale, a fine marzo, veniva bocciato il ricorso dell’associazione culturale “Al-Waqf Al-Islami” contro il divieto di utilizzo della moschea. Questa associazione è di fatto l’ente che gestisce i beni islamici in Italia ed è proprietaria dell’immobile di via Cavour 68; mentre l’Associazione islamica di Sassuolo usufruisce degli spazi. Insieme le due organizzazioni stanno portando avanti la battaglia per il ritorno nei locali.La diatriba relativa all’utilizzo della sede va avanti da mesi: a settembre la moschea era stata chiusa per abuso edilizio, relativo ad irregolarità nel sottopalco e nei servizi; all’inizio dell’anno i musulmani avevano poi rioccupato gli spazi, dichiarando di aver sanato le irregolarità; l’11 febbraio il Comune di Sassuolo aveva ristabilito il divieto di utilizzo dell’edificio di culto finché non venisse presentata e decisa la domanda di agibilità. Poi il ricorso al Tar che aveva dato ragione all’amministrazione comunale. Oggi tutto viene ribaltato di nuovo.“Abbiamo diritto di utilizzare quel posto” ha dichiarato Zahi Qasim, presidente dell’Associazione islamica di Sassuolo, che smentisce qualsiasi trattativa per un altro terreno in via Ancora. “Il fatto che il Consiglio di Stato abbia, in via cautelare e temporanea, sospeso il provvedimento dell’Amministrazione – replicano dal Comune – non significa che noi cambieremo di una virgola la nostra posizione sulla moschea di via Cavour. Mancano le condizioni di sicurezza – affermano il sindaco Caselli e il vice sindaco Menani – e quel magazzino non si può definire un luogo di culto”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet