Sassuolo brucia? Pattuzzi chiama il prefetto


SASSUOLO (MO), 16 GIU. 2009 – "Chiedo al prefetto di vigilare affinché la serenità e la tranquillità della città non venga turbata da questi incendi che lasciano più di un sospetto". Il sindaco di Sassuolo e candidato alle prossime amministrative, Graziano Pattuzzi, ha chiesto al prefetto un controllo capillare notturno da parte delle forze dell’ordine in seguito agli episodi di questi ultimi giorni. "La scorsa notte è andato a fuoco un porticato all’Albero d’Oro e un cassonetto in pieno centro, se si unisce questo all’episodio di ieri in via Emilia Romagna (dove fiamme alte 12 metri hanno devastato l’azienda di autotrasporti Emiligroup, ndr) è facile pensare ad un pazzo o a qualcuno che abbia la finalità di turbare questi ultimi giorni di campagna elettorale. Per questo motivo ho chiesto al prefetto un controllo notturno ancora più capillare da parte delle forze dell’ordine affinché la città non venga turbata, a maggior ragione se lo scopo è quello di turbare le elezioni di domenica e lunedì prossimo: nessuna tornata elettorale è tanto importante da mettere a rischio l’incolumità e la serenità dei cittadini".Nel primo dei due incendi avvenuti la notte scorsa, a prendere fuoco è stata la tettoia esterna del circolo Falcone e Borsellino presso il parco Albero d’Oro di via Refice. La tettoia in legno, adiacente il campo da calcio e quello da calcetto, ha preso fuoco probabilmente dopo le 4, dal momento che avventori del parco a quell’ora non avevano notato nulla di strano. Sono intervenuti i Vigili del Fuoco di Sassuolo che sono stati chiamati mentre erano intenti a spegnere un altro incendio, in un deposito di piastrelle della ditta "Gualandri Eudes sas" situato in via Ghiarola Vecchia a Fiorano.Sull’incendio dell’Albero d’Oro sta indagando il Commissariato di Polizia: il forte sospetto è che non sia stato provocato da cause accidentali. Oltre ad una parte della tettoia e della recinzione, sono andate in fumo sedie di plastica e un sottotetto.Il secondo incendio, invece, è avvenuto in via Cavallotti, dove è stato dato alle fiamme un cassonetto specifico per la raccolta della carta.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet