Sanguineti, Modena gli dedica un weekend di poesie


MODENA, 19 MAG. 2010 – La voce dei più noti poeti si prepara a scendere in piazza a Modena, per la due giorni di letture e incontri in programma 29 e 30 maggio. Con un grande assente, Edoardo Sanguineti, scomparso ieri a Genova all’età di 79 anni. Per colmare, simbolicamente, questo vuoto, "Poesie della fine del mondo", questo il nome della rassegna, sarà dedicata al grande intellettuale, critico dell’avanguardia e fondatore del Gruppo ’63. Una decisione presa senza indugi dagli organizzatori, anche perché proprio Sanguineti era stato il poeta che aveva tenuto a battesimo il ‘Poesia festival’ delle Terre di Castelli, la manifestazione di cui l’happening del prossimo fine maggio è anteprima."Il nome di Edoardo Sanguineti – racconta Alberto Bertoni, docente di italianistica a Bologna e curatore della rassegna – era stato proprio il primo al quale avevamo pensato tra quelli da invitare a ‘Poesie della fine del mondo’ perché incarnava, oltre a quella del poeta, la figura dell’intellettuale di fine ‘900. Con il suo recente ‘Ritratto del Novecentò ha realizzato anche la sintesi perfetta di quella interazione tra le arti, fotografia e cinema compresi, che è stato uno dei tratti caratteristici e vitali del secolo scorso".Sono quattordici i poeti in cartellone. Sul palco di piazza XX settembre saliranno, tra gli altri, Alberto Bevilacqua, Nanni Balestrini, Maurizio Cucchi, Valerio Magrelli, Biancamaria Frabotta, Mariangela Gualtieri e Giuseppe Conte.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet