Salvataggio più vicino per la Verlicchi


BOLOGNA, 17 NOV. 2011 – Al Tavolo di Salvaguardia convocato dalla Provincia di Bologna è ripresa nella mattina la trattativa per trovare una soluzione alla complicata vicenda Verlicchi. All’incontro di Palazzo Malvezzi erano presenti, oltre alle Istituzioni, le Rsu, le organizzazioni sindacali, il curatore fallimentare e i rappresentanti della Donati Srl, l’azienda pisana che ha manifestato nei giorni scorsi l’interesse ad acquisire la Verlicchi.La storica azienda di Zola Predosa che produce telai per moto è in fallimento con esercizio provvisorio fino al 31 dicembre e conta 166 lavoratori, tutti in cassa integrazione straordinaria fino a metà aprile 2012. Al Tavolo i rappresentanti della Donati srl hanno presentato le linee guida del Piano Industriale, che prevede il mantenimento dell’attività produttiva a Zola e la rioccupazione di parte dei lavoratori, ha riferito l’ufficio stampa della Provincia. La discussione che ne è seguita ha approfondito le sinergie e le complementarietà tra la Donati srl e la Verlicchi in una ipotesi di sviluppo ed integrazione."Sono molto soddisfatto di questo primo incontro, in cui sono state poste le basi per definire un accordo che preveda la salvaguardia dell’attività produttiva e il mantenimento del maggior numero dei posti di lavoro. Ci siamo dati già appuntamento per il prossimo 7 dicembre, nel frattempo faremo tutte le verifiche a livello regionale per assicurare ai lavoratori la massima copertura degli ammortizzatori sociali. Ho apprezzato sia il senso di responsabilità manifestato dalle organizzazioni sindacali sia la determinazione dimostrata dalla curatela", ha commentato dopo la riunione Graziano Prantoni, assessore provinciale alle Attività produttive.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet