Salute e sicurezza sul lavoro: la Tironi è conforme


MODENA, 6 MAR. 2012 – Tra gli indicatori di crescita di un’azienda anche le certificazioni hanno la loro importanza. Lungi dall’essere il classico pezzo di carta con cui fare bella mostra di sé, la certificazione è diventata uno strumento di lavoro imprescindibile per le imprese. Averla o non averla fa differenza, condiziona i rapporti di lavoro con clienti e fornitori e più in generale disciplina i contatti con tutti gli altri “portatori di interesse” dell’azienda. Elettromeccanica Tironi ha appena ottenuto una nuova conferma della propria adeguatezza ai processi produttivi: dopo le certificazioni su "qualità" (Iso 9001:2008, risalente al 1994) e "ambiente" (Iso 14001:2004, datata 2010), è arrivata anche la dichiarazione di conformità Bs Ohsas 18001:2007 che investe l’ambito della “salute e sicurezza” nei luoghi di lavoro.Rilasciata dalla fondazione internazionale Det Norske Veritas (Dnv) dopo un’analisi approfondita delle procedure di sicurezza perfezionate negli anni da Elettromeccanica Tironi, la Bs Ohsas 18001:2007 è il più attendibile riconoscimento della professionalità del sistema di sicurezza previsto in azienda. "La conformità alla normativa Ohsas – sottolinea il presidente Maurizio Tironi – è motivo di grande soddisfazione per la nostra azienda. È uno stimolo in più per continuare a migliorare il sistema della sicurezza sui luoghi di lavoro, e tendere così all’eliminazione di tutti i possibili e molteplici rischi connessi alle attività produttive".Elettromeccanica Tironi progetta e produce trasformatori elettrici. Nel suo stabilimento di via degli Scarlatti, a Modena, occupa un centinaio di dipendenti. Nel 2011 ha registrato un fatturato di 25 milioni di euro, con una quota export pari all’80 per cento. Ancora oggi il capitale dell’azienda è al 100 per cento della famiglia Tironi.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet