Salame San Felice, il disciplinare in banca


Tutelare il patrimonio e promuovere lo sviluppo del territorio: SANFELICE 1893 Banca Popolare vuol riconoscere le eccellenze del settore agroalimentare e sostenere i produttori nel promuoverne la tutela e la diffusione. Succede così che durante il Consiglio di Amministrazione della Banca di mercoledì 30 settembre presso il Palazzo dell’Ex Monte di Pietà, i membri della Consorteria del Salame di San Felice insieme al Dott. Maurizio Ferraresi (veterinario dell’AUSL di Modena) hanno sottoscritto il contratto per una “particolare cassetta di sicurezza” controfirmato dal Presidente della Banca Avv. Pier Luigi Grana. Questa cassetta nella quale è stato simbolicamente depositato il disciplinare del salame di San Felice, è in realtà un’intera sala a pianta quadrata ricavata nei sotterranei del Palazzo del Ex. Monte di Pietà, adiacente ai locali del Caveau della Banca. Una scelta che testimonia la volontà di assimilare il Salame di San Felice, come prodotto tipico, ad un bene prezioso che necessità di una tutela e custodia adeguata.

Riproduzione riservata © 2017 viaEmilianet