Saie, Squinzi: “edilizia comatosa”


“Lo stato di salute dell’edilizia è, purtroppo, comatoso”. Lo ha detto, a margine dell’ inaugurazione del Saie a Bologna, il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi, il quale ha comunque invitato tutti “a crederci” in una ripresa. Nel settore “abbiamo perso molto nelle ultime settimane, il 60% dei valori produttivi. Onestamente – ha aggiunto – credo che l’anno prossimo non vedremo una ripresa decisa, però dobbiamo crederci e renderci conto tutti che l’edilizia è fondamentale per la ripresa del Paese”. Nella legge di stabilità disegnata dal Governo “ci sono molte cose che chiedevamo da tempo, come la riduzione dell’Irap”. Ha aggiunto. “Un po’ più di attenzione alla ricerca è molto condivisibile però il giudizio definitivo” sulla legge “non possiamo esprimerlo perché non conosciamo ancora il testo, diciamo così bollinato”, ossia non ancora vistato dalla Ragioneria dello Stato. E sulla protesta messa in scena all’esterno dai collettivi, il presidente di Confindustria ha commentato: “Periodo difficile, aspettiamoci turbolenze”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet