RSPP, il difficile ruolo dei responsabili della sicurezza


MODENA, 12 OTT. 2012 – “Noi abbiamo le leggi migliori al mondo, è l’applicazione concreta che lascia a desiderare”. Da qui parte il ragionamento di Raffaele Guariniello sulla salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro in Italia. Intervenendo ad Ambiente e Lavoro Convention, l’evento ospitato dalla Fiera di Modena, il coordinatore del gruppo Salute e Sicurezza presso la Procura della Repubblica di Torino ha parlato della realtà delle nostre aziende, dove spesso i servizi di prevenzione non riescono a raggiungere tutti gli obiettivi che la legge si pone, anche per via del difficile rapporto che lega i datori di lavoro agli RSPP, i responsabili della sicurezza. Tra i problemi della giustizia in materia di sicurezza secondo Guariniello c’è anche l’eccessiva lentezza. Oltre al delicato momento che il nostro paese sta attraversando dal punto di vista economico e occupazionale. E salute e sicurezza sono stati al centro del processo Eternit, che ha visto proprio Guariniello nel ruolo di pubblico ministero. Un lavoro che dopo una sentenza di primo grado per disastro doloso che escludeva però le fabbriche di Rubiera e di Bagnoli, è ancora lontano dalla sua conclusione.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet